Sud - politica

Castellammare, il candidato Sindaco Cimmino: “No al business e fuori i clandestini dal nostro centro storico”

Castellammare, il candidato Sindaco Cimmino: “No al business e fuori i clandestini dal nostro centro storico”

Castellammare di Stabia, ecco le parole del candidato Sindaco per il centrodestra Gaetano Cimmino, in relazione al fattore immigrazione e centro storico.

“Il centro antico pullula di immigrati clandestini che occupano abusivamente scantinati e palazzine fatiscenti. Annulleremo adesione allo Sprar. No al business e fuori i clandestini dal nostro centro storico”. Così ha esordito Cimmino, che ha continuato: “Effettueremo un censimento nel centro antico contro gli abusivi e scopriremo chi si nasconde dietro allo sfruttamento. Convocheremo un tavolo di confronto con i parroci. Quali speculazioni dietro il business dei 200 migranti? Andrò dal prefetto per annullare l’adesione del Comune di Castellammare allo Sprar. La città non è pronta ad ospitare altri 200 migranti”.

“Il centro antico pullula di immigrati clandestini che occupano abusivamente scantinati e palazzine fatiscenti. – prosegue Cimmino – Altri immigrati, in assenza di un tessuto sociale che ne agevoli l’integrazione, si dedicano alla vendita di prodotti contraffatti lungo le strade del centro o all’accattonaggio, trasformando via Bonito in un suk. Merce la cui provenienza è notoriamente legata al fenomeno della criminalità organizzata. Gli immigrati clandestini non possono più restare a Castellammare. Effettueremo un censimento nel centro antico per individuare chi occupa abusivamente le case e attiveremo un’azione integrata delle forze dell’ordine per scoprire chi si nasconde dietro a questo sfruttamento.”

“Il centro antico sarà per noi il cuore pulsante del turismo stabiese. Chiederò all’arcivescovo mons. Alfano di cooperare per la convocazione di un tavolo di confronto con i parroci, megafono dei quartieri, per discutere in merito a tutte le iniziative da mettere in campo nel sociale sul territorio.”

“È evidente che non siamo contrari a priori alle iniziative che questo particolare periodo storico richiede in materia di ospitalità, ma quando si fa calare dall’alto un provvedimento che fa riferimento ad occasioni lavorative per i migranti, mentre la crisi lavoro attanaglia tuttora tanti stabiesi, diventa opportuno effettuare alcune considerazioni. Quali azioni sono state messe in atto per l’integrazione sociale dei migranti? E quali strutture dovranno ospitarli? Noi sappiamo quali speculazioni si celano, da parte di pochi eletti, dietro al business dei migranti.”

“L’ultima amministrazione comunale ha aderito al protocollo d’intesa per entrare a far parte del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar), senza minimamente coinvolgere le associazioni, i parroci, le scuole, i cittadini e le altre forze politiche. Noi impediremo tutto questo e tuteleremo gli stabiesi”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania