Quantcast

stadio san paolo
Sud - opinioni

Questione San Paolo, Confapi: il Comune non sa quello che vuole

Gianpiero Falco, presidente Confapi Napoli interviene sulla questione tra Comune ed SSC Napoli per l’utilizzo del San Paolo: “Telenovela di cattivo gusto, Ente ha gestito male rapporto con il club”

Il presidente Confapi Napoli, Gianpiero Falco interviene sulla questione nata tra il Comune di Napoli e la SSC Napoli per l’utilizzo dell’impianto sportivo di Fuorigrotta “San Paolo”.

«Siamo al ridicolo: il Comune di Napoli prima annuncia, con paginate e paginate di giornali, che non ci sarà alcuna convenzione col Calcio Napoli, costringendo il club a pagare addirittura il 10 per cento di ogni incasso, oltre ai prelievi aggiuntivi sulla pubblicità, e ora “ricatta” la società col vincolo della territorialità di fronte alla possibilità, ventilata dal presidente Aurelio De Laurentiis, di andare a giocare le partite di Champions a Bari» afferma Gianpiero Falco.

«Di fronte a questa triste telenovela, mi chiedo perché l’Amministrazione, davanti a mancati pagamenti da parte della società sportiva, non abbia attivato la macchina esecutiva del credito? Siamo su un terreno che non è più politico, ma di competenza della Corte dei Conti – ha aggiunto –. Il rapporto, sempre difficile, tra club e Amministrazione è diventato ormai ingestibile perché, giustamente, un imprenditore che ha dei diritti e dei doveri, nei confronti anzitutto della stabilità della sua azienda, ha deciso di tutelarsi data l’imminenza degli impegni sportivi».

«Siamo al cospetto di un Ente che non sa che cosa vuole e che, soprattutto, non ha il controllo della propria comunicazione – conclude Falco –. Un Ente che la spara sempre più grossa, nonostante sia chiamato a governare la terza città d’Italia».

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania