Sud - cronaca

Vent’anni dal disastro ambientale di Sarno, Mattarella:”Tragedia immane, sia da monito per il Paese”

Sono passati 20 anni dalla terribile alluvione del 5 Maggio 1998 che colpì Sarno provocando la morte di 160 persone. Mattarella:”Tragedia immane, sia da monito per il Paese. Affrontare pericoli del dissesto idrogeologico”

“Una tragedia immane favorita dallo sfruttamento del suolo”: ha voluto ricordare così il Capo dello Stato. Sergio Mattarella. la tragica alluvione che il 5 maggio del 1998 devastò Sarno e colpì anche i comuni di Quindici, Siano, Bracigliano e San Felice a Cancello. “A vent’anni dal disastro ambientale che colpì il comprensorio di Sarno, provocando la morte di 160 persone e lasciando ferite ancor più profonde di quelle inferte al territorio stesso, – ha affermato Mattarella – desidero esprimere la mia vicinanza e confermare la solidarietà del paese intero ai familiari delle vittime, a tutti coloro che hanno sofferto le terribili conseguenze delle frane e delle alluvioni, a quanti, con tenacia e speranza, hanno lavorato in questi anni e tuttora lavorano alla piena ripresa della vita delle comunità”.

Il presidente della Repubblica ha parlato di “tragedia immane, innescata da eventi meteorologici di portata eccezionale, tuttavia – sottolinea – favorita e ingigantita da uno sconsiderato sfruttamento del suolo, da incuria e superficialità nell’affrontare i pericoli derivanti dall’assetto idrogeologico. Il comune di Sarno pagò il tributo più elevato di vite umane.
Ma le frane e le spaventose colate di fango del 5 maggio 1998 portarono lutti anche nei comuni di Quindici e di Siano e non risparmiarono quelli di Bracigliano e San Felice a Cancello. A tutti questi nostri concittadini va un pensiero commosso”.
Il Capo dello Stato non si è dispensato da un severo richiamo alla responsabilità: “Le immagini di quelle ore drammatiche sono ancora impresse nella nostra memoria e restano monito per l’intera nazione. Piogge di straordinaria portata – ha sottolineato – non possono trasformarsi in un cataclisma da cui la popolazione, inerme, non può difendersi. La prevenzione, la cura del territorio, l’equilibrio idrogeologico, l’armonia tra ambiente e aree urbane sono ormai tratti di civiltà irrinunciabile, senza i quali il nostro stesso modello sociale rischia di venire compromesso. La sostenibilità dello sviluppo deve poggiare anche su queste basi. Dai giorni del disastro sono state avviate, e poi realizzate, numerose opere per una migliore sistemazione del territorio, per la sua messa in sicurezza, per la mappatura del rischio idrogeologico. I progetti vanno portati a compimento e, soprattutto, la manutenzione e il controllo vanno proseguiti con costanza, in modo da evitare che aumenti la soglia del rischio. L’ambiente è parte della nostra vita ed è fondamento del benessere sociale, economico, civile”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania