Sud - cronaca

Torre del Greco, il Killer di Cardone confessa: “Mi accorsi tardi dell’errore”

Confessione sulla morte di Cardone

Il 26 settembre del 1998 per un errore, Vincenzo Cardone di soli 23 anni fu ucciso per uno scambio di persona dagli uomini del clan Falanga di Torre del Greco.

Antonio Scognamiglio già condannato per quell’omicidio a 30 anni di carcere nel 2017, a distanza di un anno davanti ieri mattina dinanzi alla quarta sezione della Corte d’Appello d’Assise di Napoli ha ribadito che fu un errore:

“Fu ucciso per un tragico errore. Mi sono accorto che stavamo colpendo la persona sbagliata, ma non subito”.

Il ragazzo, non implicato con il clan, fu scambiato per Rosario Ramondo, alias ‘o capucchiò.

Scognamiglio ha così continuato:

“Quando ho detto NO era ormai troppo tardi, il ragazzo era già stato raggiunto dai proiettili”

Dopo le dichiarazioni rese in aula da Scognamiglio, la Corte ha rinviato l’udienza a fine settembre per la requisitoria del procuratore generale.

 

Dionisia Pizzo

 

Fonte: giustizianews24

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania