Sud - cronaca

Sperlonga, 13enne perde la vita, risucchiata dal bocchettone del ricambio dell’acqua di una piscina

Incidente in piscina

Dopo un  presunto incidente nella piscina di un hotel a quattro stelle a Sperlonga coinvolta una studentessa di tredici anni, che abitava a Morolo (Frosinonee), le indagini hanno portato ad individuare quattro indagati.

La ragazzina in vacanza con la famiglia a Sperlonga, nota località turistica in provincia di Latina è morta dopo un bagno in piscina in un hotel a quattro stelle in cui alloggiava.

L’accaduto è avvenuto davanti agli occhi della madre che ha subito dato l’allarme. La piscina dell’albergo era sprovvista di l’assistente ai bagnanti.

I fatti si sono svolti in pochissimi minuti mentre era in piscina la ragazzina è stata risucchiata da un bocchettone del ricambio dell’acqua che si trovava sul fondo della vasca.

Un turista americano ha cercato in tutti i modi di aiutare la giovane, ma il suo intervento è stato inutile. Oltre all’uomo anche altre persone sono intervenuti nelle operazioni di soccorso, ma la ragazza era ormai esanime.

La 13enne è stata condotto in gravissime condizioni  al policlinico Gemelli di Roma dove è morta intorno alle 4 della scorsa notte.

I carabinieri indagano sulle vicenda l’area della piscina e il vano pompe sono stati posti sotto sequestro. Sono stati ascoltati gli addetti alla manutenzione per capire, qualora fossero previsti,  perchè sistemi di sicurezza per bloccare i bocchettoni non siano entrati in funzione.

Il corpo della ragazza sarà sottoposto ad autopsia per stabilire le cause esatte del decesso e capire se la ragazzina sia stata colta da un malore prima di annegare, magari a causa di una bibita ghiacciata bevuta prima di entrare in piscina.

Dionisia Pizzo

 

Ansa

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania