Quantcast

Sud - cronaca

Scafati Arancione chiede le dimissioni di Monica Paolilno dopo le uscite sul processo al marito

Scafati Arancione chiede le dimissioni della consigliera regionale di FI, Monica Paolino, dopo le dichiarazioni controverse sulla Magistratura

Il gruppo Scafati Arancione attacca frontalmente la consigliera regionale di Forza Italia, Monica Paolino, che negli ultimi giorni si era resa protagonista di alcune dichiarazioni controverse sulla Magistratura, a distanza di qualche giorno dai retroscena resi noti dalla pubblicazione delle intercettazioni.
Il gruppo, nonostante si dica comprendere lo stato d’animo di Monica Paolino, ne chiede le dimissioni immediate da consigliera regionale per le gravi parole proferite ed emerse nelle intercettazioni che compongono l’ultima ordinanza di arresto nei confronti del marito, l’ex sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti.
“Se il comunicato della Dottoressa Paolino si fosse fermato all’ammissione di colpa e al “restiamo umani” si sarebbe potuto, forse, commentare in maniera diversa quanto letto sui giornali. Tuttavia, il tono della replica ha confermato, ancora una volta, un mancato rispetto delle istituzioni e della magistratura. Quando la Dottoressa Paolino parla di gestione sbagliata della vicenda, tirando in ballo anche la Giustizia, non è precisa”, spiegano gli attivisti di “Scafati Arancione”.
Quello che non capiamo del messaggio della Paolino è quando dice che la magistratura ha sbagliato nella gestione del caso. Chi ha avallato una simulazione di tentato suicidio? Chi ha spiegato a una conoscente che era solo un modo per rientrare a casa ed era tutto programmato? Chi ha parlato di nuovi telefoni e di schede Sim mai usate per comunicare? Non di certo la Giustizia e i suoi rappresentanti. Su tutto questo non c’è comprensione che tenga”.

“Chi avalla la simulazione di un tentato suicidio – continuano – commette un reato. Reato ancor più grave se a farlo è una rappresentante delle istituzioni, che invece dovrebbe dare l’esempio ai giovani. Inutile il riferimento alle mancate conversazioni sulla camorra, che ha un proprio peso specifico nell’attività d’indagine, ma che in relazione all’ultima ordinanza è relativo perché si parla del dramma di un uomo. Ha ragione la Paolino: restiamo umani e si abbia fiducia sempre nella magistratura. Non solo quando ci dà ragione. Ha gestito male la situazione, è andata così. Ora il buon esempio sarebbe dare le dimissioni. Nella vita reale sarebbe il primo passo verso il buonsenso. Al netto dei cortigiani che continuano a difendere l’indifendibile”, concludono. 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania