Igp pelato pomodoro Napoli
Sud - cronaca

Salerno, 12 tonnellate di conserve di pomodoro sequestrate: il blitz dei carabinieri in un’azienda di Fisciano

Maxi sequestro di conserve di pomodoro nel comune di Fisciano: nel blitz dei carabinieri in una nota azienda della zona sono stati requisiti 12 tonnellate di pomodoro di dubbia provenienza

Nella giornata di ieri, i carabinieri del Reparto tutela agroalimentare di Salerno hanno sequestrato circa 12 tonnellate di conserve di pomodoro in una nota azienda di Fisciano. I militari, sotto la guida del tenente colonnello Giorgio Borrelli hanno trovato migliaia di confezioni di passata e concentrato di pomodoro di cui non è stato possibile rintracciare l’origine. Dovrebbe trattarsi di pomodoro italiano, secondo i proprietari dell’azienda ma non essendoci tracciabilità non ci sono garanzie.
Nel blitz degli uomini delle forze dell’ordine sono stati rilevati numerosi illeciti amministrativi, non essendo stato possibile determinare i numeri di lotto a quale produzione facessero capo e, quindi, ricostruire l’intera filiera.
Il principio è sempre lo stesso: un prodotto non tracciabile non è sicuro perché non può essere controllata la materia prima e quindi deve essere avviato a distruzione.
Negli ultimi 12 mesi, nel corso dell’intensa attività preventiva finalizzata a garantire una maggiore sicurezza alimentare, hanno sequestrato oltre 92 tonnellate di conserva di pomodoro, nella maggior parte nella provincia di Napoli e Salerno.
I carabinieri sottolineano che essendo uno dei prodotti più rappresentativi ed a più largo consumo del nostro paese, presente sulle tavole di tutte le famiglie italiane, va controllato e tutelato, da qui la particolare attenzione che l’Arma rivolge a questo settore. In molti casi sono stati trovati addirittura confezioni che contenevano all’interno pomodoro scaduto, precedentemente estratto da altri barattoli o bottiglie e riutilizzate.
Non solo un pericolo potenziale per la salute dei cittadini ma anche una concorrenza sleale, visto che viene venduto prodotto per il quale è stato risparmiato il costo sia di smaltimento sia per quello di produzione. Non sempre si considera che proprio queste pratiche distruggono la sana impresa, praticando prezzi o riuscendo a intascare guadagni impensabili con un’attività in linea con le norme e penalizzando chi segue la legislazione nell’attività d’impresa.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania