Quantcast

Sud - cronaca

Procida, crolla il costone, il Sindaco: “Fondi UE per la messa in sicurezza”

“Quella zona non era considerata pericolosa”

Questa mattina su una spiaggia dell’isola di Procida un costone si è staccato dalla roccia ed venuto giù franando sulla costa. A tal proposito, è intervenuto Dino Ambrosino, sindaco dell’isola: “La zona franata non era una zona interdetta al pubblico né considerata pericolosa. La nostra è un’isola fragile che meriterebbe un po’ più di attenzione, abbiamo chiesto dei finanziamenti perché le zone a rischio siano messe in sicurezza”.

Il primo cittadino spiega: “Nella zona sovrastante la parte franata la Provincia era intervenuta anni fa con lavori di messa in sicurezza, ma la parte sottostante del costone non era stata tenuta in considerazione. Bisognerà rileggere le varie relazioni tecniche dell’epoca per capire perché quella parte fosse stata giudicata in sicurezza. In località Chiaia ci sono stati diversi fenomeni franosi, per questo alcuni mesi fa abbiamo chiesto dei finanziamenti alla Regione per opere di sicurezza, nell’ambito della programmazione Ue. I finanziamenti che abbiamo chiesto riguardavano la parte centrale della Chiaia e a questo punto inseriremo anche la parte interessata stamattina dal crollo. Le altre zone ritenute a rischio sono tutte interdette. Prima di ogni estate con vigili, capitaneria e ufficio tecnico andiamo a verificare le zone pericolose e lo stato di cartelloni e reti di interdizione e pericolo. Per Terra Murata abbiamo chiesto i finanziamenti al Viminale che ha fatto un bando per la messa in sicurezza del territorio e ci siamo candidati con due interventi da realizzare. Su Ciraccio sta lavorando la Città Metropolitana di Napoli e proprio due settimane fa sono stato a controllare lo stato della progettazione che è in itinere per ottenere il finanziamento, è solo questione di tempo. Per la Chiaia invece abbiamo presentato due richieste per lavori: uno in prossimità della Corricella, dove c’è un costone da mettere in sicurezza, e uno nella parte centrale, già chiusa. A questo punto allargheremmo questo intervento anche alla parte che ha ceduto oggi”.

Print Friendly, PDF & Email
Tags

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania