Sud - cronaca

Castellammare, la serata conclusiva della XV edizione del Premio Ciro Madonna. FotoGallery

Ciro Madonna

Si è conclusa ieri la XV edizione del Premio Teatrale “Ciro Madonna”, uno degli eventi culturali più longevi della città di Castellammare di Stabia. Ad essere premiate sono state quelle scuole che durante l’anno scolastico si sono cimentante nella nobile arte del teatro con rigore e serietà, raggiungendo ammirevoli risultati.

La serata ha avuto luogo nel Circolo Internazionale stabiese, ed è stata coordinata dal professore Pierluigi Fiorenza, il quale ha omaggiato il ricordo di Ciro Madonna, uomo di cultura e di teatro, con una predilezione per Raffaele Viviani.

A salutare e ringraziare i presenti anche il presidente del Circolo Catello Barbato, e Mario Cioffi, organizzatore e membro della giuria incaricata a valutare le rappresentazioni teatrali.

Presente all’evento pure l’attore Peppe De Rosa, che ha ricordato quanto sia stato importante l’incoraggiamento di Ciro Madonna per il suo avanzamento professionale, e ha ripercorso quelli che sono stati i punti più importanti della sua quarantennale carriera.

Dopo un lungo applauso per rendere omaggio all’artista stabiese , cominciano le premiazioni delle scuole primarie: al terzo posto con “Il mago di Oz” l’I.C.S. Gragnano 3 Staglie-Parco Imperiale; al secondo con “Umanità Smarrita” l’I.C.S. Panzini Plesso Scanzano di Castellammare di Stabia, e al primo posto con “Per un mondo di Pace…o no?” il 2° Circolo Didattico di Gragnano.

Quest’anno si sono guadagnate la menzione due scuole, che nonostante non abbiano vinto hanno comunque meritato di rietrare nel Premio Ciro Madonna: l’I.C. “Mosè Mascolo” di Sant’Antonio Abate con il saggio di recitazione “Noi ci siamo”, e l’Istituto Santa Teresa del Bambino Gesù di Castellammare di Stabia con “In viaggio con Dante”.

Uno sheck teatrale di Gigi Longobardi e poi la premiazione continua con gli istituti secondari di primo grado. Due scuole si sono aggiudicate il terzo posto: l’I.C. Francesco Di Capua di Castellammare di Stabia con “L’universalità di essere napoletano”, e l’I.C. Luigi Denza con “Non se po’ campà senza nu poco e civiltà”; a classificarsi secondo è stato l’I.C. Paride del Pozzo di Pimonte con “Shakespeare: di amore di sogni e di altre follie”. Il primo posto premiato da Rosa Madonna va all’istituto di Lettere Silvio Pellico con l’originale “Il Gobbo di Notrenaple”.

Foto a cura di Antonio Gargiulo:

In merito all'autore

Luisa Di Capua

Nata a Castellammare di Stabia il 7 febbraio 1992.
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con specializzazione magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università degli Studi di Parma.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale