Sud - cronaca

Pompei, in migliaia in città per il Pride: i dettagli

Pompei, in migliaia in città per il Pride: i dettagli

Pompei, ieri si è tenuto il Gay Pride, che ha visto adulti, bamb­ini, italiani, extrac­omunitari, sfilare per la difesa de­lla laicità ­dello Stato e delle I­stituzioni democratic­he. Un Pride che ha una valenza differente, dal momento che il C­oordinamento Campania­ Rainbow, l’osservato­rio vesuviano Lgnt, A­rcigay Vesuvio Rainbo­w ­e tutte le associazio­ni, collettivi, enti ­e movimenti aderenti ­hanno scelto come tem­a al centro del Pompe­i Pride la difesa del­la laicità con l’obie­ttivo di rivendicare ­la «capacità di autod­eterminazione delle p­ersone al di là di qu­alsiasi condizionamen­to ideologico sulla b­ase dei principi di l­ibertà, eguaglianza, ­fratellanza e rispett­o, incentrandosi sul ­potere positivo delle­ peculiarità umane li­beramente espresse».

Al riguardo si sono espresse diverse personalità politiche, quali la senatrice Monica Cirinnà: «I Pride e in particolare questo di Pompei servono per riaffermare che lo Stato è laico, democratico e deve difendere i diritti di tutti. Bisogna combattere il vento nero che proviene da Salvini in questo periodo». Continua: «La città ha dimostrato di essere molto aperta, un luogo che sa includere. L’amministrazione è stata disponibile e ovviamente per la Chiesa manteniamo un grande rispetto», conclude.

Ma anche Vincenzo Spadafora, deputato Movimento 5 Stelle, chiarisce la sua posizione circa il Pride di Pompei: «Siamo qui per ribadire che il nostro paese ha fatto passi avanti su temi importanti e non può esserci arretramento culturale. Poi sono consapevole che molte delle proposte che vengono dai Pride non fanno parte in questo momento del contratto di governo tra Movimento 5 Stelle e Lega. Però c’è un tema che va a prescindere da tutto: noi possiamo fare un’azione culturale importante per abbattere ogni tipo di pregiudizio, di discriminazione e la mia presenza qui ne è la prova».

Presente anche il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: «La lotta per le libertà civili si deve fare sempre. Adesso abbiamo il governo più a destra nella storia, dopo il nazifascismo, ma la voglia di lottare contro la discriminazione è altissima»

Non sono mancate risposte opposte alla manifestazione, come il gruppo di fedeli davanti al Santuario, intenti a celebrare il Rosario, o le parole di un prete, forse troppo violente. (Fonte “Il Mattino)

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania