Sud - cronaca

Pompei, Gay Pride. Forza Nuova: “Paragonabile all’eruzione del ’79”

Pompei, Gay Pride. Forza Nuova: “Paragonabile all’eruzione del ’79”

Pompei, ormai mancano pochi mesi al Gay Pride, il quale si terrà il 30 giugno nella città mariana. La manifestazione è sempre stata alquanto contestata e su di esse non sono mai mancati giudizi, ma questa volta a fare scalpore è proprio la scelta della città di Pompei, città mariana e sede del Santuario frequentato da molti pellegrini.

Questa decisione non è andata giù soprattutto agli esponenti di Forza Nuova, i quali, sulla pagina facebook, sfogano la loro rabbia in merito alla scelta della location e non solo. Si legge: “Gay Pride a Pompei? Scenario di morte della cristianità e della civiltà! Il 30 giugno prossimo Pompei potrebbe vivere uno scenario agghiacciante paragonabile senz’altro alla distruzione dovuta all’eruzione del Vesuvio del 79” – questa la frase che apre il comunicato stampa dei dirigenti forzanovisti campani.
“È una provocazione che definire blasfema ci sembra poco, un vero attacco ai valori cristiani. Non vogliamo e non possiamo permettere che la città si trasformi in un circo ambulante. Il Gay Pride non è una manifestazione per i diritti civili, ma una sfilata tra il carnevalesco e il porno di sicuro cattivo gusto e contrario alla buona educazione. La scelta di esibirsi a Pompei, città che ospita uno dei Santuari Pontifici Mariani più importanti d’Italia non è certamente un caso da parte di Arcigay , la quale è stata attenta a scegliere anche una data molto particolare per i fedeli, il 30 giugno, data simbolo nella quale vengono ricordati i primi martiri del cristianesimo condannati a torture incredibili da Nerone solo perché cristiani.

Come non possiamo ricordare i tanti attacchi alla cultura cristiana e alla civiltà stessa da parte di Arcigay e sedicenti movimenti femministi, l’ultima di questi giorni in occasione della festa della donna quando attiviste con tanto di megafono e ricalcando le sacre litanie, inneggiano alla “vulva” in tutte le sue forme di fronte all’entrata laterale della chiesa di Perugia. Oppure quando, per pubblicizzare un festino gay realizzarono una locandina come immagine Gesù Cristo in un’ultima cena gay tra atti osceni e ripugnanti.

L’abbiamo annunciato in campagna elettorale e lo ribadiamo oggi senza se e senza ma: il 30 giugno l’intera comunità campana forzanovista presidierà il Santuario per l’intera giornata, impedendo con ogni mezzo in nostro potere che i circensi delle lobby LBGT, tanto coccolati dall’amministrazione locale che ha dato il benestare a questo scempio con tanto di patrocino morale, si esibiscano nelle loro volgari e inutili manifestazioni.”

Queste le parole e lo sfogo di Forza Nuova, i quali hanno addirittura paragonato l’evento, all’eruzione del Vesuvio del ’79, sicuramente paragone troppo azzardato. Sta di fatto che i forzanovisti non voglio che si faccia questa manifestazione, e non hanno certo paura di esprimerlo apertamente. Staremo a vedere cosa accadrà alla manifestazione, con la speranza chemnifestanti estremisti da ambo i lati, non facciano qualcosa di azzardato.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania