Quantcast

Sud - cronaca

Pimonte, stuprarono 15enne: reato “cancellato” per i baby stupratori

Stuprarono una ragazza di 15 anni a Pimonte, reato «cancellato» per i baby stupratori

Dopo 19 mesi il Gip del Tribunale dei minorenni di Napoli a predisposto del periodo di prova dei minorenni coinvolti nello stupro ai danni della 15enne, tranne per un minore condannato in primo grado a due anni di reclusione, la cui pensa è stata sospesa. La vicenda è venuta alla luce questa estate creando scalpore che coinvolgeva diversi minori residenti tra i comuni di Pimonte, Gragnano e Vico Equense.

Durante questi 19 mesi gli autori dello stupro sono stati seguiti dagli assistenti sociali, la cui relazione è stata fondamentale nella valutazione del Tribunale.

La vicenda risale a due anni fa, all’estate del 2016, quando la allora 15enne denunciò le violenze che subì più volte da parte di 12 coetanei, nei pressi una capanna a Franche, frazione di Pimonte. Tra loro era presente anche il suo fidanzatino, considerato dall’accusa anche il capo del branco.

Legata all’episodio anche l’infelice esternazione, a cui seguirono le scuse, del sindaco di Pimonte Michele Palummo che definì lo stupro “una bambinata”.

In seguito a questa drammatica vicenda, la famiglia della vittima lasciò Pimonte e si trasferì in Germania.

 Fonte: positanonews

Print Friendly, PDF & Email
Tags

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania