Sud - cronaca

Pescara: arrestata prostituta affetta da HIV per tentate lesioni gravissime

Polizia

Questa mattina, gli agenti della polizia di Pescara, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di I. M., classe 1981, nativa di San Benedetto del Tronto (AP), residente a Pescara, pluripregiudicata, tossicodipendente, per il reato di tentate lesioni gravissime. La misura è stata emessa dal GIP del Tribunale di Pescara, dr. Elio BONGRAZIO, su richiesta del P.M. d.ssa Barbara DEL BONO.

L’arresto della donna è maturato nell’ambito di una precedente indagine in cui, lo scorso 2 maggio, erano stati eseguiti alcuni arresti che avevano consentito di debellare alcuni gruppi criminali – due di matrice albanese e tre di matrice rumena – dediti allo sfruttamento della prostituzione prevalentemente nell’area di Pescara Centro (zona stazione centrale e vie limitrofe), ma anche nella zona sud della città, per lo più nei dintorni della Pineta Dannunziana.

Nel corso di quelle indagini era emerso che la donna tratta in arresto, affetta da HIV ed epatite “C”, era dedita all’esercizio del meretricio nell’area prossima alla stazione ferroviaria. Tale circostanza, d’intesa con l’autorità giudiziaria, era stata resa pubblica, pur con il riserbo sulle generalità della donna, in occasione della conferenza stampa con cui erano stati illustrati agli organi di informazione i risultati dell’operazione.

In effetti, nei giorni a seguire, a seguito della divulgazione della notizia, si presentava presso questi uffici un uomo che dichiarava di aver convissuto con la donna negli ultimi quattro mesi e di aver avuto con la stessa frequenti rapporti sessuali non protetti, non essendo stato mai informato del suo stato di salute.

Per tali ragioni, ritenendo concreto ed attuale il pericolo di recidiva, l’Autorità Giudiziaria ha ritenuto di emettere nei confronti della donna un adeguato provvedimento restrittivo.

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale