Quantcast

Banner Gori
Sud - cronaca

Omicidio del diciassettenne Genny: la procura allarga l’inchiesta

Passi avanti per l’omicidio del diciassettenne Genny Cesarano

In merito all’omicidio di Genny Cesarano, il ragazzo di 17 anni ucciso per errore il 6 settembre 2015, durante una stesa della camorra a Rione Sanità, potrebbe  esserci una svolta decisiva.

Dalle prime ore di quel fatidico  6 settembre del 2015, il sole non ha ancora illuminato con i suoi raggi  piazza Sanità, quando un commando entra in azione, spara all’impazzata e squarcia la quiete della notte. Genny Cesarano, che si trova all’esterno di un bar, cade a terra colpito da un solo proiettile – la polizia ritroverà 18 bossoli sul luogo dell’omicidio – e muore quasi sul colpo, vanificando il trasporto all’ospedale Vecchio Pellegrini.

Oggi, è attesa la sentenza per i quattro componenti del gruppo di fuoco del clan Lo Russo arrestati nel gennaio del 2017 perché riconosciuti proprio gli esecutori materiali di quella stesa che è costata la vita all’ennesima vittima innocente della camorra: Mariano Torre, 24enne che quella sera del 2015 era nel commando, alla vigilia della sentenza ha deciso di vuotare il sacco e raccontare tutto ai giudici.

Come riporta Il Mattino, il 24enne ex affiliato al clan dei cosiddetti “capitoni”, non solo ai magistrati ha confermato il coinvolgimento di tutti e 4 gli arrestati nella morte di Genny Cesarano, ma avrebbe rivelato anche altri nomi, che per ora non sono stati ancora rivelati, coinvolti nell’omicidio. L’inchiesta, così, potrebbe allargarsi e il processo potrebbe subire una netta e definitiva accelerata.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tags

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania