Quantcast

Sud - cronaca

Napoli, Rione Santa Lucia preso di mira dai vandali: la denuncia

Napoli, Rione Santa Lucia preso di mira dai vandali: la denuncia rilanciata dal consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli

I residenti del Rione Santa Lucia di Napoli, esasperati per i continui atti delinquenziali, denunciano ormai da tempo di auto danneggiate, incendiate e continui furti.
Gli ultimi episodi in ordine di tempo sono avvenuti venerdì notte con diverse auto danneggiate.
Questa la denuncia rilanciata dal consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e il capogruppo alla prima municipalità del Sole che Ride Benedetta Sciannimanica: Bisogna risalire ai responsabili dei continui raid attraverso le telecamere di sorveglianza, tutelare i cittadini che pur pagando la tariffa per la sosta nelle strisce blu al Comune subiscono continui soprusi dai parcheggiatori abusivi. C’è il sospetto che siano proprio loro a realizzare gli atti di vandalismo per spingere i residenti e i portatori di handicap a lasciare liberi gli spazi soprattutto nei weekend per permettergli di svolgere senza problemi i loro sporchi affari ”.
 “Anche il mio scooter fu vandalizzato proprio a Santa Lucia. Attraverso i filmati delle telecamere di sorveglianza”- aggiunge Borrelli – potrebbero essere individuati i responsabili che seminano vandalismo e anarchia, a danno dei cittadini perbene, alle spalle anche del Palazzo della Regione”.
“Siamo stanchi di subire torti e di essere vittime di vandali e parcheggiatori – dichiarano i residenti – ormai da troppo tempo. Venerdì notte alcuni di noi hanno trovato specchietti e vetri delle auto danneggiati. E’ l’ennesimo episodio. Due anni furono addirittura incendiate due automobili e da allora è stato un continuo con brevi intervalli solo quando, saltuariamente c’è stato il presidio della Polizia Municipale. Ma questo accade raramente. E poi ogni sera dobbiamo fare i conti con i parcheggiatori che non ne vogliono sapere di rinunciare alle loro richieste di denaro. Ma noi già paghiamo per il permesso di sosta nelle strisce blu non capiamo perché bisogna pagare anche loro. Eppure siamo a due passi dal palazzo della Regione, dalla Prefettura e dalle caserme. Adesso basta”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania