Medicina
Sud - cronaca

Napoli, mazzette in cambio di risposte esatte al test di medicina

Mazzette per ottenere le risposte esatte al test di medicina. È l’accusa rivolta a Tiziana Bellardino, impiegata in una biblioteca di Napoli, e a suo marito Ciro Palumbo, ex dipendente dell’Università Federico II.

Più di 6.400 giovani hanno partecipato alla selezione per essere ammessi alla facoltà di medicina, ma tra chi merita di occupare il numero chiuso e chi invece ha la capacità di acquistare quello che desidera, non sembra fare molta differenza per la Procura di Napoli che ha deciso di aprire un’inchiesta per poter far luce sulla corruzione che si cela dietro allo svolgimento delle prove.

Dopo sequestri e perquisizioni da parte della polizia giudiziaria si è giunti a ipotizzare che alla base delle selezioni ci siano i contanti spesi per comprare le risposte corrette.

Per il momento gli indagati sono i due coniugi napoletani Tiziana Bellardino e Ciro Palumbo, entrambi incaricati a sorvegliare i ragazzi il giorno della prova, tenutasi nel capoluogo campano il 5 settembre scorso. Quella mattina la coppia è stata perquisita affinché l’inchiesta aperta dalla Procura di Napoli potesse avere prove a sufficienza per confermare l’ipotesi di corruzione.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Luisa Di Capua

Nata il 7 febbraio a Castellammare di Stabia.
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con specializzazione magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università degli Studi di Parma.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania