Sud - cronaca

Napoli, l’autista dell’ambulanza sequestrata dalla gang:”Ostaggio di cavernicoli senza cultura, servono simboli positivi”

L’autista dell’Ambulanza sequestrata da una gang di giovani domenica notte a Napoli:”Io, ostaggio di cavernicoli senza cultura”

P. P., 58 anni, da circa 20 al lavoro come autista sulle autoambulanze del 118 in città. Un lavoro usurante, soprattutto per i rischi che si corrono a Napoli. Basta pensare alle recenti dichiarazioni del presidente dell’Ordine dei Medici della città partenopea che aveva paragonato la situazione di pericolo del personale 118 napoletano a quella dei medici di Raqqa. Domenica sera è stato vittima anche lui dell’escalation di violenza che ha investito i sanitari di Napoli: al Vecchio Pellegrini, dopo aver condotto in ospedale un paziente oncologico colpito da un infarto, è stato sequestrato, insieme all’ambulanza da una gang di ragazzi esagitati che sotto minaccia lo hanno condotto sul luogo di un incidente mortale dove erano già presenti altre due ambulanze.
«Cavernicoli scesi dai vicini Quartieri Spagnoli – ha raccontato l’autista a IlMattino – privi di cultura, senza scolarità, che non hanno rispetto per nulla e che non capiscono come funziona il servizio dei soccorsi, né intendono rispettarne le regole. Gente che non legge i giornali e nemmeno le cronache, i loro unici interessi sono legati al calcio, alle vicende di Sarri e del Napoli. Forse solo allo stadio si potrebbe cercare di scalfire questo muro di incultura e indifferenza, magari veicolando corrette informazioni arruolando come testimonial uno dei loro beniamini, come Insigne. Simboli positivi di un riscatto sociale che, per l’impatto emotivo che hanno su questa fascia di popolazione, potrebbero instradarne anche i comportamenti e stigmatizzarne le devianze».

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania