Quantcast

Emergenza migranti
Sud - cronaca

Napoli, la procura apre inchiesta sul rimorchiatore Asso 28 che riportò in Libia i migranti

Napoli, la procura apre inchiesta sul rimorchiatore Asso 28 che riportò in Libia i migranti

Sulla legittimità dell’operato del comandante del rimorchiatore italiano Asso 28 che dieci giorni fa, obbedendo alle disposizioni della Guardia costiera libica, ha riportato a Tripoli un centinaio di migranti soccorsi in acque internazionali vicino ad una piattaforma petrolifera, adesso indagherà la Procura di Napoli.

Un esposto con la firma di tante personalità del mondo della cultura, come Moni Ovadia, della società civile, del mondo giuridico e della politica, come il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, è stato consegnato stamattina negli uffici della Procura partenopea per chiedere ai magistrati di fare luce sulla vicenda della nave.
I firmatari dell’esposto, chiedono all’autorità giudiziaria di verificare se ci sia stato, o meno, un “respingimento” di migranti, in violazione delle convenzioni internazionali, in particolare della Convenzione Europea per i Diritti Umani e della Carta dei diritti fondamentali dell’UE.
Nell’esposto viene anche chiesto all’autorità giudiziaria di verificare il ruolo che ha svolto il Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo di Roma.

La vicenda è stata al centro di polemiche nei giorni scorsi. Per la prima volta da quando la Guardia costiera italiana ha avuto indicazioni dal governo di girare ai libici ogni chiamata di soccorso di imbarcazioni in difficoltà in quella che da poche settimane è stata riconosciuta come zona Sar libica, una nave italiana ha riportato indietro dei migranti.
Un comportamento già in passato sanzionato dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo proprio perchè la Libia non ha firmato la Convenzione di Ginevra e non è ritenuta un “porto sicuro” come prevedono le norme internazionali.
Il governo italiano, lavandosene le mani, ha respinto ogni accusa sulla vicenda dicendo di non essere stato in alcun modo coinvolto nelle operazioni di soccorso che sarebbero state sempre dirette dai libici e da decisioni autonome dell’equipaggio.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania