Quantcast

Sud - cronaca

Napoli, il figlio ventenne del boss è in coma, la denuncia:”In carcere si muore di malattia”

Il figlio ventenne dell boss di camorra, R.Elia, dell’omonimo clan, è entrato in coma in seguito a forti emicranie. La denuncia di Pietro Ioia:”In carcere di malattia si muore”.

Sarebbe in coma A. M. Elia, il figlio ventenne del boss di camorra R.Elia dall’omonimo clan del Pallonetto di Santa Lucia. Questa mattina, dopo aver accusato forti emicranie, è stato trasportato d’urgenza al Cto di Napoli (prima era stato trasportato al San Paolo e poi al Cotugno).
Come riferiscono i parenti e la fidanzata, il malessere fisico del giovane si sarebbe manifestato circa da una ventina di giorni. Dolori lancinanti a un occhio e alla testa, – come riporta Il Mattino – motivo per cui all’interno del penitenziario il ragazzo era stato sottoposto ad una cura di antibiotici e antidolorifici (Toradol e Oki), ma non era bastato. Il ventenne aveva smesso di mangiare con la speranza che venisse sottoposto ad una tac urgente. Ora lotta tra la vita e la morte in terapia intensiva. Si sospetta un’infezione cerebrale.
“Questo ragazzo (detenuto nel carcere di Poggioreale ndr) è vittima della malasanità che da anni esiste nelle nostre carceri. Il “mostro di cemento” si conferma sempre più sinonimo di malavita, malasanità e morte”, denuncia Pietro Ioia, presidente dell’associazione Ex Detenuti Organizzati Napoletani e autore del libro “La Cella Zero”, ispirato alla vicenda che vede imputati alcuni agenti di polizia penitenziaria di Poggioreale, accusati di presunte violenze ai danni dei carcerati. “In carcere di malattia si muore», tuona Ioia, che giovedì 10 maggio sarà tra i promotori del sit-in all’esterno del Tribunale di Napoli, dove si terrà l’udienza per il processo ai secondini accusati di essere stati aguzzini della cosiddetta cella zero.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania