Quantcast

Sud - cronaca

Napoli, emozionante scoperta durante scavi: riaffiorano i resti del coccodrillo della leggenda?

Emozionante scoperta durante gli Scavi presso le viscere di Pizzofalcone a Napoli: riaffiorano i resti di un coccodrillo, potrebbe trattarsi del “mostro” della leggenda del Maschio Angioino?

Quando i volontari della Galleria Borbonica hanno notato quello strano ritrovamento dal quale emergevano denti aguzzi, non hanno creduto ai propri occhi ed hanno immediatamente fermato le operazioni di scavo.
Sul posto è stato richiamato di corsa Gianluca Minin, il geologo esperto del percorso ipogeo di Chiaia, che ha personalmente recuperato ogni parte delle ossa e ha fatto scattare la macchina delle verifiche: «Ho subito pensato che fossero i resti di un coccodrillo. Anche se il ritrovamento è avvenuto nelle viscere di Pizzofalcone, la mente è immediatamente volata alla leggenda del mostro del Maschio Angioino che divorava i prigionieri. Però ho resistito alla tentazione della rivelazione immediata del ritrovamento».
La scoperta risalirebbe a quaranta giorni fa, racconta ilMattino, ma è stata resa nota solo nei giorni scorsi per permettere le analisi di esperti.
La datazione è stata effettuata con il carbonio 14 dal Circe, Centro di ricerche isotopiche per i beni culturali e ambientali dove il metodo della spettrometria di massa con acceleratore ha accertato che quelle ossa risalgono a un periodo compreso tra il 1643 e il 1666.

I reperti, poi sono stati affidati al professor Raffaele Sardella del dipartimento di Scienze della terra della Sapienza, a Roma. Il professore, con il contributo di un caparbio assegnista di ricerca, Dawid Adam Iurino, ha rimesso assieme tutti i resti recuperati e ha eseguito studi accurati sulle caratteristiche dell’animale: si tratta di un coccodrillo del Nilo, proprio come quello della leggenda, anche se il professore chiede con puntiglio di segnalare che l’attribuzione della provenienza del coccodrillo è certa al 95 per cento.
L’altro giorno il reperto è stato riportato a Napoli. Gianluca Minin sta ancora studiando la maniera migliore per esporre quei resti: «Probabilmente li metteremo in mostra all’interno del percorso della Galleria Borbonica. Vorremmo realizzare una teca con la ricostruzione totale dell’animale, che superava i due metri di lunghezza».

Ci sono, però, pressanti richieste di poter esporre il reperto da parte dell’Associazione «Vivere Napoli» che si occupa delle visite al Maschio Angioino. I visitatori vengono condotti proprio all’interno delle prigioni dove la leggenda vuole che il coccodrillo andasse a cibarsi dei detenuti.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania