Sud - cronaca

Napoli, emozionante scoperta durante scavi: riaffiorano i resti del coccodrillo della leggenda?

Emozionante scoperta durante gli Scavi presso le viscere di Pizzofalcone a Napoli: riaffiorano i resti di un coccodrillo, potrebbe trattarsi del “mostro” della leggenda del Maschio Angioino?

Quando i volontari della Galleria Borbonica hanno notato quello strano ritrovamento dal quale emergevano denti aguzzi, non hanno creduto ai propri occhi ed hanno immediatamente fermato le operazioni di scavo.
Sul posto è stato richiamato di corsa Gianluca Minin, il geologo esperto del percorso ipogeo di Chiaia, che ha personalmente recuperato ogni parte delle ossa e ha fatto scattare la macchina delle verifiche: «Ho subito pensato che fossero i resti di un coccodrillo. Anche se il ritrovamento è avvenuto nelle viscere di Pizzofalcone, la mente è immediatamente volata alla leggenda del mostro del Maschio Angioino che divorava i prigionieri. Però ho resistito alla tentazione della rivelazione immediata del ritrovamento».
La scoperta risalirebbe a quaranta giorni fa, racconta ilMattino, ma è stata resa nota solo nei giorni scorsi per permettere le analisi di esperti.
La datazione è stata effettuata con il carbonio 14 dal Circe, Centro di ricerche isotopiche per i beni culturali e ambientali dove il metodo della spettrometria di massa con acceleratore ha accertato che quelle ossa risalgono a un periodo compreso tra il 1643 e il 1666.

I reperti, poi sono stati affidati al professor Raffaele Sardella del dipartimento di Scienze della terra della Sapienza, a Roma. Il professore, con il contributo di un caparbio assegnista di ricerca, Dawid Adam Iurino, ha rimesso assieme tutti i resti recuperati e ha eseguito studi accurati sulle caratteristiche dell’animale: si tratta di un coccodrillo del Nilo, proprio come quello della leggenda, anche se il professore chiede con puntiglio di segnalare che l’attribuzione della provenienza del coccodrillo è certa al 95 per cento.
L’altro giorno il reperto è stato riportato a Napoli. Gianluca Minin sta ancora studiando la maniera migliore per esporre quei resti: «Probabilmente li metteremo in mostra all’interno del percorso della Galleria Borbonica. Vorremmo realizzare una teca con la ricostruzione totale dell’animale, che superava i due metri di lunghezza».

Ci sono, però, pressanti richieste di poter esporre il reperto da parte dell’Associazione «Vivere Napoli» che si occupa delle visite al Maschio Angioino. I visitatori vengono condotti proprio all’interno delle prigioni dove la leggenda vuole che il coccodrillo andasse a cibarsi dei detenuti.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania