Quantcast

Sud - cronaca

Morte sospetta in una clinica dell’Agro nocerino: aperta un’inchiesta

Morte sospetta in una clinica dell’Agro nocerino: aperta un’inchiesta

Un uomo di 76 anni, B.Allegretti, è morto venerdì sera in circostanze misteriose, in una clinica privata dell’Agro nocerino.
La scorsa estate, riferisce il Mattino, il 76enne aveva avuto un ictus cerebrale, ma si era ripreso, tanto che era stato trasferito in una struttura sanitaria vicino Castel San Giorgio, dove l’uomo viveva, per la riabilitazione della mano e della gamba destra. Dopo il colpo apoplettico era stato in cura da diversi specialisti, fino alla riabilitazione che avrebbe dovuto terminare a metà del mese di novembre. Invece, nella serata di venerdì ha iniziato a stare male.
Da quanto racconta il primo dei suoi tre figli, ciò sarebbe accaduto «dopo una iniezione effettuata per curare un’infezione». Il paziente era noto per essere un «soggetto allergico ad antibiotici e ferro», spiega il figlio. Anche per questo sarebbe stato richiesto un approfondimento sulle cause del decesso.
«Si era ripreso – dice il figlio maggiore – e ragionava perfettamente. Attendevamo che terminasse il periodo di riabilitazione per riportarlo a casa. Venerdì sera eravamo con lui». Dal racconto si evince il terrore di quei cinquantacinque minuti in cui si è tentata la rianimazione, la chiamata al 118 per scongiurare il peggio e, infine, la consapevolezza che non c’era più nulla da fare. Dall’esame autoptico si potrà capire quale sia la verità su questa morte. Se si sia trattato di una fine inevitabile, oppure se, come pensa la famiglia, di uno shock anafilattico.
Intanto, dopo la segnalazione, effettuata dai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino agli ordini del maggiore Alessandro Cisternino, della querela sporta dalla famiglia (seguita dall’avvocato Giovanni Battista Provenza), alla Procura del Tribunale di Nocera Inferiore, sia la cartella clinica che la salma sono state poste sotto sequestro. Quest’ultima è stata trasferita all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore dove, nei prossimi giorni, verrà sottoposta ad autopsia. Esame al quale, quasi sicuramente, prenderà parte anche un consulente di parte su richiesta dei familiari. Per quanto riguarda l’estremo saluto alla salma, invece, si dovrà attendere che siano terminati tutti gli accertamenti richiesti perché si possa procedere all’organizzazione dei funerali.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania