Sud - cronaca

Meta, clandestino aggredisce carabiniere che gli salva la vita: la vicenda

Marano - carabinieri
I Carabinieri di Meta gli salvano la vita, l’uomo per “ringraziarli” colpisce un militare

Per evitare di essere sottoposto ad un controllo da parte dei Carabinieri, un uomo non ha esitato a lanciarsi in un vallone. Quando i militari dell’Arma l’hanno recuperato salvandogli la vita, non ha esitato a sferrare un pugno a un appuntato. Il protagonista della vicenda un senza dimora originario della Somalia che è stato condannato a sei mesi di reclusione (pena sospesa) e immediatamente rimesso in libertà.

Un agente della Polizia Municipale aveva notato l’uomo, mentre stava bivaccando all’ingresso di un palazzo nel centro storico di Meta, e gli ha ordinato di raccattare le sue cose e di andar via. Il somalo risponde in malo modo ed afferrata una pietra ha minacciato di scagliarla contro l’agente.

Il clandestino si dà alla fuga nella concitazione scivola nel vallone al di sotto di via Rivolo. A salvargli la vita sono stati i Carabinieri della Stazione di Piano di Sorrento che hanno evitato che precipitasse nel vuoto. Nonostante ciò l’uomo ha tentato di scappare nuovamente prima di essere bloccato e portato in caserma per accertamenti. Qui ha colpito con un pugno a uno dei carabinieri che l’avevano tratto in salvo.

Per il somalo è scattato l’arresto per resistenza e minacce a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale. Questa mattina è stato processato per direttissima e condannato a sei mesi di reclusione, ma con pena sospesa.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania