Quantcast

Sud - cronaca

Marcianise, pusher ordina una torta, pasticciere arrestato per errore: la storia

Un fraintendimento ed un errore di trascrizione hanno trascinato un malcapitato pasticciere di Marcianise nel filone di indagine che ha portato all’arresto di diversi esponenti del clan

Era stato incaricato da un noto pusher di preparare una torta, ma per gli inquirenti che tenevano sotto intercettazione lo spacciatore il dolce non era altro che una fornitura di hashish. Questa assurda storia è stata riferita ieri da IlMattino. A farne le spese, il povero P. Russo, pasticciere di Marcianise, che è rimasto cinque giorni agli arresti domiciliari; oggi lo stesso Gip di Napoli che lo ha messo agli arresti, ha deciso di concedergli la piena libertà.
Russo era stato arrestato lunedì scorso durante il maxi blitz dei carabinieri e della Dda di Napoli – pm Luigi Landolfi – che aveva coinvolto 40 persone, 16 delle quali finite in carcere e 15 ai domiciliari (per altri nove indagati è stato disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria).
Un’indagine importante perché aveva svelato il patto siglato per la gestione del mercato della droga dai due clan camorristici di Marcianise, i Belforte e i Piccolo-Letizia, che da sempre si combattono a colpi di omicidi incrociati.
Così importante che forse gli inquirenti hanno deciso, nonostante il chiaro fraintendimento, di coinvolgere anche il malcapitato pasticciere per non lasciare in libertà nessun “sospetto”.
La vicenda personale di Russo, incensurato fino a quel momento, era passata quasi inosservata, se non per quell’intercettazione telefonica del 2015 in cui il capo dei pusher, G. Pontillo, finito in carcere, chiedeva a Russo di portargli una torta; per gli inquirenti si trattava di una fornitura di droga, ipotesi avvalorata anche da un errore di trascrizione.
Lo spiega il legale del pasticciere, Mariano Omarto. «Russo –  riferisce il legale – aveva detto che la torta costava 14 euro, ma gli inquirenti hanno capito e trascritto la somma di 1400 euro; è ovvio che per una torta si trattava di una somma esorbitante».
Omarto ha semplicemente dimostrato che Russo era effettivamente un pasticciere e quella torta era per una nipote di Pontillo; peraltro Russo lavorava fino ad una settimana fa al Carrefour di Marcianise, dove era il responsabile del reparto pasticceria; proprio sette giorni fa è stato licenziato. «Poi è arrivata anche la beffa dell’arresto» dice l’avvocato. Gli altri indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania