Quantcast

Sud - cronaca

Castellammare, scatta l’allarme discariche abusive

Si diffonde in città questo pericoloso fenomeno

Gli agenti della polizia municipale di Castellammare di Stabia, agli ordini del comandante Antonio Vecchione hanno scoperto e intercettato un 48 enne stabiese che, a bordo di un furgone sprovvisto di copertura assicurativa, trasportava un ingente quantitativo di rifiuti di vario tipo che stava per scaricare in una zona alla periferia della città. L’uomo è stato così denunciato a piede libero per inquinamento ambientale alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, mentre il mezzo è stato sequestrato.

Un fenomeno, quello dello sversamento abusivo dei rifiuti, che va diffondendosi. Le forze dell’ordine sono riuscite a fermare il 48enne ma in altri casi i rifiuti vengono posati e lasciati all’aria aperta. Ad ogni modo i controlli delle forze dell’ordine proseguiranno anche nei prossimi giorni. L’obiettivo è evitare l’abbandono di rifiuti nei diversi punti della città, proteggendo anche il decoro urbano. Del resto sono ancora troppe le mini-discariche abusive presenti in vari punti di Castellammare. Appare ormai nota la vicenda relativa alla salita che porta a Quisisana, dove sono state diverse le segnalazioni dei residenti e gli interventi delle forze dell’ordine. Situazione difficile anche nel quartiere Acqua della Madonna. E’ qui infatti, pochi giorni fa, che i vigili sequestrarono una nuova discarica abusiva. I rifiuti furono abbandonati in via Duilio, a due passi da Fontana Grande e dalla sorgente dell’Acqua della Madonna. Una vergogna senza fine, con vernici, elettrodomestici, mobili e altro materiale pericoloso. Ma non è tutto. Altre discariche sono state segnalate in via Petraro, via Passeggiata Archeologica, via Meucci e anche nel rione Moscarella e in via Pozzillo.
Sono tuttora in corso delle indagini per risalire ai responsabili dell’abbandono di rifiuti all’Acqua della Madonna. Ma il fenomeno, purtroppo, è tutt’altro che debellato. E quello delle discariche sarà sicuramente uno dei primi problemi che il nuovo sindaco dovrà affrontare.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania