Sud - cronaca

Castellammare, crac Multiservizi, il processo riparte da zero

Crac Multiservizi il processo riparte da zero

Il tribunale di Torre Annunziata ha riunito di riunire i 2 procedimenti penali sul crac dell’azienda Multiservizi, la società partecipata del Comune di Castellammare di Stabia addetta al servizio di smaltimento rifiuti cittadino.

Secondo l’accusa, l’azienda avrebbe dichiarato fallimento per un negativo di 30 milioni di euro. Accusati a vario titolo per aver creato l’ingente buco di danaro attraverso una serie di pagamenti per consulenze esterne, oltre al manager Monica Baldassarre e all’avvocato Franceso De Vita, l’ex vicedirettore generale Massimo Cajati, il commercialista  Mario Paolella.

Il geometra Franco Rossi ha patteggiato una condanna a 3 anni di reclusione, mentre Felice Marinelli, consulente della ditta, e Luigi Carunchio, il commercialista, giudicati con rito abbreviato, sono stati condannati rispettivamente ad un anno e sei mesi e undici mesi di reclusione. Ma ottenuto Baldassarre, ha invece patteggiato una condanna a 3 anni di reclusione. Mentre – procedimento che prevede e quindi entrambi con pena sospesa.

Il processo riparte da zero, ad ottobre la prima udienza dove sarà ascoltato Vincenzo Sica, curatore fallimentare della Multiservizi.

Dionisia Pizzo

Fonte: PuntoStabiaNews

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania