Quantcast

Sud - cronaca

Castellammare, blitz della guardia costiera sull’arenile di Corso De Gasperi: i dettagli

Castellammare, blitz della guardia costiera sull’arenile di Corso De Gasperi: i dettagli

Castellammare di Stabia, a seguito di una prima denuncia fatta dai residenti del rione CMI, gli uomini della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia, agli ordini del Comandante Guglielmo Cassone, nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2018″, questa mattina sono intervenuti presso un tratto di arenile del Comune di Castellammare di Stabia, adiacente via Alcide De Gasperi, altezza di Via Poma, in prossimità del conosciuto Lido Desio.

Nel momento in cui i militari della Guardia Costiera sono intervenuti, hanno potuto appurare l’effettiva occupazione di circa 300 mq di pubblico demanio marittimo, illecitamente occupata da oltre 50 attrezzature già posizionate sulla spiaggia libera senza occupanti, in modo da evitarne la libera fruizione.

I militari hanno prontamente individuato l’autore dell’illecito comportamento, dal momento che aveva occupato il pubblico demanio marittimo “sine titulo”: l’area è stata sgomberata, con la rimozione delle strutture abusivamente posizionate, al fine di riconsegnare il tratto di arenile alla libera fruizione della collettività per scolpi elioterapici.

Il trasgressore, sprovvisto delle previste autorizzazioni demaniali marittime, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata per i reati previsti dal Codice della Navigazione e, saranno poste in essere, nei confronti dello stesso, le previste comunicazioni agli Enti amministrativi preposti per il recupero delle indennità di abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo. Questo controllo, fa sapere la Guardia Costiera, non sarà isolato, ma sul territorio saranno effettuati altri di questo genere.

Infine la Guardia Costiera non manca di ricordare il numero blu 1530 per le emergenze in mare, valido su tutto il territorio nazionale 24 ore al giorno e utilizzabile gratuitamente sia da telefonia fissa che mobile. Attraverso quest’ultima, è possibile mettersi in contatto diretto con la Capitaneria di porto in cui ricade la cella più vicina, riducendo ulteriormente i tempi di intervento.

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania