Quantcast

Sud - cronaca

Casoria, bilancio gonfiato: si va verso il processo per l’ex sindaco

Scagionato l’assessore nella giunta cittadina

Il Gip Fabrizio Finamore, del Tribunale Napoli Nord, su proposta dei pm, archivia la posizione del vicepresidente del consiglio regionale, Tommaso Casillo, e di altre 23 persone, tra cui politici, dirigenti e revisori dei conti in carica a quel tempo al comune di Casoria: erano accusati di aver attestato falsamente il rispetto del patto di stabilità per l’anno 2012.

I sostituti procuratori della Procura di Napoli Nord, Giovanni Corona e Valeria Palmieri, hanno ritenuto infatti che le indagini svolte consentiranno di esercitare l’azione penale per i soli indagati Vincenzo Carfora, Alfonso Setaro e Valeria Esposito, rispettivamente ex sindaco, dirigente alle Finanze e assessore dell’ente di piazza Domenico Cirillo. “I sostituti procuratori titolari dell’indagine ci hanno dato la possibilità dopo la conclusione delle indagini di interloquire nella giusta misura per esporre le nostre tesi e dimostrare che non c’era assolutamente dolo in quello che era stato fatto – afferma l’avvocato nolano Mario Papa, che con la collega Sabina Coppola ha difeso Casillo e diversi assessori della giunta municipale – Grazie a questa apertura è stato possibile arrivare ad una giusta conclusione ed evitare un processo inutile per molti imputati”.
I magistrati accusavano di falso in atto pubblico e abuso d’ufficio gli amministratori comunali, oltre che dirigenti e revisori dei conti, per aver approvato una proposta di rendiconto di gestione dell’anno 2012, composta dal conto del bilancio e dal conto economico del patrimonio, attestando falsamente come entrate correnti dell’ente crediti pari a euro 29.939.228,12 per violazioni del codice della strada relative agli anni 2000-2011, “così effettuando una artificiosa operazione di sovrastima delle risorse dell’ente, contabilizzando le predette entrate nella gestione di competenza del 2012, conferendo, altresì, coperture finanziarie solo formali a impegni di spesa pari a euro 14.969.614,06 in realtà non sostenibili, in quanto basati su entrate aleatorie e inattendibili, eludendo sostanzialmente il patto di stabilità per l’anno 2012”. “Ancora una volta la verità primeggia, come è giusto che sia – dice Tommaso Casillo che nel 2012 ricopriva il ruolo di assessore nella giunta cittadina guidata da Carfora – Ancora una volta emerge la condotta trasparente di chi ha gestito le istituzioni con l’obiettivo di rendere solo un sano servizio alla collettività. L’arma della denuncia quando è strumentale e pretestuosa svanisce fortunatamente nel nulla producendo di fatto solo un danno alla comunità perché ogni indagine ha un costo che paga la collettività”.

Print Friendly, PDF & Email
Tags

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania