Quantcast

Sud - cronaca

Camorra, l’intercettazione del boss minaccia il pm: “Gli uccido la gente”

Il pm D’Alessio ha aperto numerose inchieste contro il clan

Durante un colloquio in carcere tra Augusto La Torre e suo fratello Antonio il gip Maria Gabriella Pepe ha sentito una “minaccia velata” (come da lei definita) in cui il boss diceva:  “Devi chiamare D’Alessio…io mi metto in mezzo ai 41 bis….gli uccido la gente”.

Obiettivo della minaccia è il pm della Dda Alessandro D’Alessio, titolare di molte inchieste contro i La Torre. Una indagine che nasce nel 2015 quando dopo 25 anni  si prospetta la possibilità per Augusto La Torre di uscire dal carcere. Iniziano così una serie di intercettazioni sia un carcere che all’esterno per i familiari. Ed è da queste convesazioni che gli investigatori scoprono che Augusto La Torre attraverso il fratello Antonio e il figlio Tiberio stava riorganizzando il clan. Numerosi infatti sono i dialoghi in cui il figlio Tiberio parla con lui dell’acquisto di  armi da guerra, come un mitra, per contrastare i rivali. Ma non solo. Augusto La Torre dal carcere più volte aveva tentato tramite lettere estorsive di richiedere posti di lavoro per il figlio. Richieste non accettate dalle vittime. Antonio La Torre è residente in Scozia, ma attualmente si trovava nel Casertano, mentre Tiberio a Torino.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania