Quantcast
Banner Gori
Castellammare di Stabia : Scala sullo sciacallaggio mediatico Castellammare di Stabia: aggiornamento Covid-19 Plastica, pesticidi e sversamenti abusivi. Il dossier choc di Legambiente sulle condizioni dei corsi d’acqua in Italia dopo il lockdown, come riporta oggi anche Metropolis Quotidiano, è disarmante, avvilente, emblematico del disastro ambientale che ogni giorno attanaglia Castellammare e tutti i Comuni attraversati dal fiume Sarno. È bastato far ripartire le attività industriali per rivedere scarichi killer all’interno del fiume, segnale inequivocabile della presenza di aziende che continuano a sversare i propri reflui nel Sarno piuttosto che inviarli a depurazione. L’ennesima prova dello scempio perpetrato da persone senza scrupoli nei confronti dell’ambiente e dell’ecosistema. Un’ulteriore conferma della totale assenza di interventi mirati da parte degli enti sovraordinati, a partire dal tanto sbandierato masterplan del Ministro Costa, di cui dopo oltre un anno non si sono viste tracce. In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, rinnovo il mio appello ai 38 Comuni che, come Castellammare di Stabia, sono attraversati dal fiume Sarno: firmate con me l’esposto alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo per tutelare insieme le nostre città. Unitevi alla battaglia per restituire dignità ad un territorio devastato da sostanze tossiche e nocive per l’ambiente e per tutti i cittadini.Allerta Covid-19 : Un cittadino risultato positivo Covid-19
Cronaca Campania NAPOLI

Castellammare di Stabia : Scala sullo sciacallaggio mediatico

Castellammare di Stabia: non ha tardato a farsi sentire la voce di Tonino Scala in merito allo ” sciacallaggio mediatico ” esploso in questi ultimi tempi.

Castellammare di Stabia : Scala sullo sciacallaggio mediatico

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)- Tonino Scala ha espresso in poche righe, quelle che sono le sue considerazioni in merito allo ” sciacallaggio mediatico ” che ha preso piede a seguito degli episodi verificatesi negli ultimi tempi.

C’è chi continua a parlare di sciacallaggio mediatico: al peggio non c’è mai fine.

Un disco rotto, una narrazione violenta e insopportabile che non si ferma nemmeno davanti alle scene che dovrebbero rendere tutti un po’ più umani.

Nel frattempo i sindacati, i medici, gli operatori, vanno in Procura.
Quelli del San Leonardo. Di Castellammare. La mia città. Capitale di un disastro annunciato.

Quelli del 118, quelli che hanno contratto il covid nella prima fase, in Primavera quando mancava tutto, anche il buonsenso.
Trattati come carne da macello: ai piedi buste della spesa.

I medici erano in rivolta allora, lo sono ancor più oggi: La seconda ondata è di gran lunga peggiore.
Chi ha sbagliato paghi, dicono. A maggior ragione oggi che si volgono alla Procura della Repubblica presentando un voluminoso dossier su errori e inefficienze.

Eppure mi ricordo quel periodo. C’era chi mi attaccava gratuitamente dicendo che stavo facendo del male alla città: non potevo parlare male del San Leonardo. Come dire… i panni sporchi si lavano in famiglia. A me sta famiglia non è mai piaciuta!

Quegli operatori, in sette mesi hanno vissuto sulla loro pelle tutte le inefficienze del sistema sanitario regionale. Sono stati in prima linea senza i dispositivi adeguati. Avevano tute di carta comprate con i loro soldi dal ferramenta al posto dei calzari buste vuote della spesa e mascherine non a norma.
A loro mi sento di dire grazie.

A chi ha difeso l’indifendibile non dico nulla penso alla loro buona fede, quando si tifa, si venera, si ama, la lucidità viene sempre a mancare.

A Lui, il Magliaro chiedo un po’ di serietà, sobrietà e senso delle istituzioni: la sceneggiata è finita, qui c’è gente che muore, ci sono operatori sanitari che vanno ringraziati per aver lavorato in condizioni pessime per essere stati trattati come carne da macellare.
Bisognava e bisogna essere seri.
Ora, non domani. Ora.
Fate presto!
Tonino Scala

 

 

 

Stéphanie Esposito Perna / Redazione Campania
© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.
Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stéphanie Esposito Perna

Stéphanie Esposito Perna

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più