Quantcast
Banner Gori
Botti illegali: Guardia di Finanza ad Angri, trovati oltre 2mila ordigni
Cronaca Campania NAPOLI

Botti illegali: Guardia di Finanza ad Angri, trovati oltre 2mila ordigni

Botti illegali: blitz della Guardia di Finanza ad Angri, denunciato un cinquantottenne sorpreso con oltre 2mila ordigni artigianali, sprovvisti di licenza del Prefetto.

Botti illegali: Guardia di Finanza ad Angri, trovati oltre 2mila ordigni

Con l’approssimarsi della notte di San Silvestro, cresce l’allarme relativo alla commercializzazione di fuochi d’artificio non a norma; dopo il sequestro di qualche settimana fa, sempre ad Angri (SA), la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha tratto in arresto un altro soggetto, trovato in possesso di oltre 2.300 botti artigianali, sprovvisti della necessaria licenza del Prefetto. L’uomo, già noto per precedenti specifici, era stato individuato sulla base delle risultanze di un’autonoma attività info-investigativa svolta dai Finanzieri della Compagnia di Nocera Inferiore. E, senza saperlo, proprio lui aveva fatto strada ai militari che, impegnati in un servizio di osservazione e pedinamento, lo hanno seguito fino al nascondiglio del suo piccolo arsenale, ricavato in un deposito su un terreno di proprietà.
Nel vederlo uscire dal piccolo fabbricato in lamiera con un sacco al seguito, le Fiamme Gialle, insospettite, lo hanno subito fermato, scoprendo, in questo modo, i primi fuochi d’artificio detenuti illegalmente.
Gli investigatori sono poi passati alla perquisizione dell’intero capannone, al cui interno hanno rinvenuto, oltre alle classiche micce ed allo spago per il confezionamento, più di 60 chili di materiale esplodente: in particolare, “bombe carta” e petardi, senza alcuna omologazione e perciò altamente pericolosi anche per i residenti delle abitazioni adiacenti.
A confermarlo, la successiva perizia, eseguita da un artificiere in servizio presso la Questura di Salerno. Per garantire il ripristino delle condizioni di sicurezza, i manufatti sono stati accuratamente cautelati ed affidati in custodia ad una ditta specializzata, che ne curerà la distruzione.
Su disposizione di questa Procura della Repubblica — dott. Davide Palmieri – il cinquantottenne è stato invece posto agli arresti domiciliari. Rischia ora fino a tre anni di reclusione ed una multa fino a 100 mila euro.
© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.
Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stéphanie Esposito Perna

Stéphanie Esposito Perna

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più