Quantcast

Gori Banner x Vivicentro
Santi Faustino e Giovita
Eventi Nord - terza pagina

Brescia, 15 Febbraio 2019: Santi Patroni Faustino e Giovita – Gli eventi

Patroni della terra di Brescia:
la tradizione di una grande festa

Santi Patroni Faustino e Giovita:

TRASFIGURAZIONI

Il pensiero va immediatamente all’episodio narrato nei Vangeli. Sul monte Tabor, luogo dove secondo la tradizione si verificò l’evento, Gesù mutò d’aspetto.
La bellezza intima e latente della sua vita e della sua persona emersero nitide e splendenti dinanzi agli occhi attoniti e meravigliati degli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni. Trasfigurò. Sancì in tal modo, dandone testimonianza, la trascendenza della sua proposta, facendo gustare un anticipo della beatitudine del compenso futuro. L’esperienza presto terminò. Non cessarono tuttavia gli effetti sui tre protagonisti. Nella loro vita l’episodio segnò un prima e un poi del tutto diverso, che ebbe un segno nuovo, così che anch’essi ne uscirono trasformati, in certo senso trasfigurati. Così come – ed è ancora esperienza della tradizione cristiana – successe a Saulo, colto e convinto persecutore di cristiani, che sulla strada di Damasco fa esperienza del divino, in una folgorazione che ne trasfigura il progetto di vita e lo trasforma in Paolo, il fervente apostolo delle genti.

Trasformata dal dono della Fede è anche la vita di Faustino e Giovita. Due giovani cittadini di una Brescia ancora politeista, vengono afferrati dalla bellezza di una nuova visione, abitati da una nuova presenza. E la loro vita quotidiana cambia, acquisisce una bellezza intima, ma percepibile, che chiamiamo santità. Avvertibile a tal punto da attrarre l’attenzione di coloro che, con sguardo benevolo o di scandalo, li circondano. O ancora il personaggio di Cristoforo: da altero protagonista di esperienze di vita violenta, responsabile in duello di un assassinio, nel  pentimento sceglie una vita di espiazione, facendosi interprete di un perentorio invito alla redenzione, rivolto ad uno dei protagonisti più insensibili a parole di pace del racconto, quel don Rodrigo uscito dalla geniale vena narrativa di Alessandro Manzoni.

L’ideale del compiersi di una vita inteso come trasfigurazione, essere nella luce, era caro anche a Paolo VI, il papa bresciano di cui recentemente è stato riconosciuta la santità. Vissuto in un’epoca culturalmente lacerata, caricato delle responsabilità di guidare la Chiesa durante il Concilio e quindi nel post-Concilio, nei tempi della contestazione giovanile e negli anni delle Brigate rosse e del terrorismo nero, la vita di Paolo VI, gravata da poderose responsabilità, poteva risultarne sfigurata.
Ed invece, rifulge nella coscienza e memoria di molti, non solo credenti, come vita trasfigurata, perché quotidianamente donata.
Lo vediamo poi testimoniato nelle vicende dolorose delle tante vittime di incidenti drammatici, le cui conseguenze potrebbero gettare nella disperazione chi le sconta, ed invece, con una forza e uno spirito di resilienza stupefacente, sanno riprendersi la vita, mutando la condizione di sofferenza in occasione di riscatto e di nuove opportunità, producendosi in una trasfigurazione che commuove e meraviglia.
Esempi straordinari, si direbbe. A ben riflettere, occorre rilevare, invece, che l’esperienza della trasfigurazione può entrare anche nella ordinarietà della vita quotidiana. Basti pensare a quanto succede nella comunissima dinamica dell’innamoramento.
Prima la persona che s’incontra potrebbe lasciarci indifferenti. Poi, per un meccanismo che non sappiamo spiegarci, diviene il centro invasivo e onnicomprensivo della nostra quotidianità, segnando un prima e un poi sconvolgente, che trasforma i ritmi della vita e noi stessi, trasfigurandoci l’uno agli occhi dell’altro. È, dunque, a ben vedere, l’innamoramento il processo che innesca e produce il cambiamento, trasforma aspetto e comportamenti, travolge chi ne è coinvolto, ma non solo, modifica contesto e paesaggio circostanti. Ed è accaduto anche nella città e nella terra bresciana. Come non ricordare il cuore degradato del complesso di Santa Giulia in città, triste spettacolo fino agli anni sessanta, che ha ritrovato nella passione di alcuni visionari la determinazione necessaria per divenire il vanto di tutti, patrimonio dell’umanità sotto l’egida dell’UNESCO. Oppure, solo per fare alcuni altri esempi, la rinascita del castello a Padernello e di palazzo Cigola-Martinoni a Cigole o la restituzione della vicenda del monastero di San Benedetto di Leno e ancora prima in val Camonica la grandiosa riscoperta della civiltà dei Camuni, che fa il paio con quella avviata e sempre più ricca di sorprese della civiltà di Remedello, sono tutte realizzazioni frutto dell’appassionato, irresistibile innamoramento e dedizione di alcuni, presi da passione per un progetto che li ha sedotti a tal punto da dedicarvi senza riserve le energie di una vita.
La somma dei cambiamenti che hanno mutato volto, identità e forme del paesaggio e della percezione stessa dell’identità bresciana, si coordina con gli analoghi processi che, frutto di intuizione, innamoramento e conseguente intelligente dedizione, contagiando e coinvolgendo una schiera sempre più ampia di proseliti, ha cambiato il volto ad un’intera area, tra le più povere e improduttive.
Ne è scaturito il “miracolo” Franciacorta, la cui trasfigurazione è certificata non solo dai numeri del suo prodotto interno lordo, bensì anche dall’apprezzamento di turisti ed estimatori della sua originale bellezza. L’intuizione e dedizione di alcuni, protagonisti di un avvio imitato da una schiera di appassionati al seguito, travolti da passione enologica, hanno lasciato un’impronta di cambiamento nelle colline bresciane, secondo un processo che presenta analoghe dinamiche nel Chianti e nei colli senesi, tra le colline del Monferrato e in quelle venete e friulane, trasformandone il paesaggio.
Esempi che altri, animati da analogo spirito, stanno trasferendo ad altri settori, trasfigurandone il profilo.
È il caso del tutto originale del progetto Solomeo.
Un imprenditore attivo in un settore, solo apparentemente incapace di innovazione com’è quello dei filati e della maglieria, nel cuore dell’Umbria si produce in un successo planetario, sfruttando al meglio il valore economico aggiunto della cultura. Trovando ispirazione nella proposta di radicale rinnovamento, di resilienza e di speranza del motto benedettino ora et labora et lege et noli contristari, lo applica ad un modello industriale, che nell’investire sulla qualità del manufatto, la arricchisce del valore aggiunto dell’immagine del territorio circostante, restituito alla sua bellezza più pura, tutto a beneficio di una sinergia che anima l’intero progetto industriale.
Le trasfigurazioni sono, dunque, possibili, possono coinvolgere tanto i singoli quanto le istituzioni; i loro effetti ne cambiano, migliorandoli, volto e assetti, trasformando, in definitiva, il quadro complessivo dei territori nel promuovere l’armonia nelle comunità che li abitano e la bellezza nell’orizzonte dei loro paesaggi.

Sabato 2 febbraio – ore 17
S. Zenone all’Arco – v.lo San Zenone, 4
INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA TRASFIGURAZIONI OPERE DI DODICI GIOVANI ARTISTI LOMBARDI
a cura dell’Associazione per l’arte “Le Stelle” aperta fino a sabato 17 febbraio (dalle ore 16 alle 19) chiuso lunedì e martedì

I giovani si cimentano nella intrigante impresa di rappresentare con il linguaggio dell’arte gli episodi di ammirevole trasformazione, frutto spesso di progettualità e spirito di ricerca, in altri casi, segnati dalla vita, di determinazione e capacità di resilienza con risultati incredibili, che lasciano ammirati e senza parole e testimoniano delle inesauribili forze dell’animo umano e delle immense risorse che il cuore sa mettere in campo per raggiungere mete e conseguire traguardi, talvolta solo apparentemente irraggiungibili.

Domenica 3 febbraio – dalle ore 9 alle ore 19 Piazza Vittoria: I MERCATI DI CAMPAGNA AMICA PROMOZIONE E VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI A KM 0, a cura di Coldiretti Brescia

All’avvio della nuova annata agraria nel segno dei Santi Patroni Faustino e Giovita, i coltivatori della terra, nella consapevolezza di esserne da sempre gli autentici ed effettivi custodi, presentano a km 0 i prodotti che da essa ricavano, per arricchire di gusto e genuinità la tavola dei bresciani.

Domenica 3 febbraio – ore 10 Museo Santa Giulia – via Musei, 81b: LA DOMENICA DELL’ARTE LO SPLENDORE DEL VETRO LA COLLEZIONE BROZZONI ITINERARI INEDITI CON COLAZIONE AL MUSEO! a cura di Fondazione Brescia Musei Prenotazione obbligatoria.

Costo: biglietto d’ingresso ridotto + 5 € per servizio guida CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834 santagiulia@bresciamusei.com

Dopo una gustosa colazione offerta ai partecipanti alle ore 10.00 in Santa Giulia, si raggiungerà la Pinacoteca per un affascinante itinerario alla scoperta degli splendidi vetri della collezione Brozzoni.

Domenica 3 febbraio – ore 10 Basilica dei Santi Faustino e Giovita: CERIMONIA AB OMNI MALO SANTA MESSA E SUPPLICA AB OMNI MALO RIVOLTA AI SANTI PATRONI DAL SINDACO A NOME DELLA CITTÀ

Narra la tradizione che fin dal medioevo all’inizio di ogni anno i Rettori del Comune di Brescia si recavano nella chiesa dei Santi Faustino e Giovita. Davanti alle spoglie dei due martiri bresciani rivolgevano loro, con una supplica solenne, la richiesta di protezione per l’intera città.
Offrivano quindi l’olio necessario per mantenere acceso tutto l’anno un lume davanti all’arca che ne conservava le reliquie.
Da qualche anno per iniziativa della Confraternita dei Santi Faustino e Giovita la tradizione rivive.
La prima domenica di febbraio il sindaco con una rappresentanza di assessori e consiglieri comunali si reca alla basilica dei Santi Faustino e Giovita. Durante la santa Messa legge il contenuto di una pergamena con cui fa richiesta formale ai Santi Patroni di rinnovare la loro protezione alla città.

Domenica 3 febbraio – ore 15 Domenica 10 febbraio – ore 10 e ore 15 parco del Rebuffone: VISITA GUIDATA  FAUSTINO E GIOVITA I LUOGHI DELLA STORIA DEI SANTI PATRONI DI BRESCIA a cura della guida turistica di “Oltre il Tondino”

Prenotazione obbligatoria.
Durata della visita 2 ore circa
Contributo per la visita: 5 € cad.
Gratuito per gli under 18 accompagnati
Informazioni e prenotazioni: 3483831984
info@oltreiltondino.it – www.oltreiltondino.it

Il percorso si snoda per le vie della città da viale Rebuffone al Roverotto il luogo dell’apparizione sulle mura cittadine dei due santi martiri intervenuti in soccorso dei bresciani nella battaglia contro il Piccinino.
Dal luogo del martirio nell’antico cimitero di San Latino e dalla chiesa di San Faustino ad sanguinem, poi Sant’Afra e ora Sant’Angela Merici, seguiremo il percorso delle reliquie fino alla basilica dei Santi Faustino e Giovita, passando per la piccola chiesa di San Faustino in Riposo. Ammirando le monumentali straordinarie architetture, li vedremo in forme scultoree e in tele dipinte e scopriremo come mai vengono rappresentati con vesti diverse.

Domenica 3 febbraio – ore 15 Pinacoteca Tosio Martinengo – piazza Moretto, 4: LABORATORIO DI SPERIMENTAZIONE SENSORIALE INDAGINE AL BUIO IDENTIKIT DI UN DIPINTO a cura di Fondazione Brescia Musei

Prenotazione obbligatoria. Costo: 10 €
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Hai mai pensato di “vedere’ un dipinto solo toccandolo? In questo laboratorio sperimentale i partecipanti verranno guidati in un’indagine al buio.
Partendo dall’esplorazione tattile di diversi materiali, sarà possibile trarre ipotesi e indizi che condurranno alla comprensione del dipinto nella sua interezza.

Lunedì 4 febbraio – ore 17 Palazzo Loggia: LECTIO MAGISTRALIS IMPRESA CULTURA TRASFIGURAZIONE BELLEZZA
BRUNELLO CUCINELLI, imprenditore

Il racconto di un’affascinante avventura imprenditoriale: dalla tradizione della produzione di maglieria di pregio al successo planetario di una linea di abbigliamento che trova valore aggiunto e si trasfigura in bellezza, fino a trasformare il contesto e il paesaggio circostante, nell’ispirazione ai principi di una proposta ideale, quella di Benedetto da Norcia, costitutiva dei valori fondanti dell’Europa e della civiltà occidentale.

Martedì 5 febbraio – ore 16.30 Ateneo di Brescia – Accademia di Scienze, Lettere e Arti via Tosio, 12: CONVEGNO
L’ECONOMIA DELLA TRASFIGURAZIONE IL CASO FRANCIACORTA a cura dell’Università degli Studi di Brescia in collaborazione con l’Ateneo di Brescia Accademia di Scienze, Lettere e Arti

presiede e coordina: -SERGIO ONGER presidente dell’Ateneo di Brescia

a cura dell’Università degli Studi di Brescia in collaborazione con l’Ateneo di Brescia Accademia di Scienze, Lettere e Arti

presiede e coordina SERGIO ONGER presidente dell’Ateneo di Brescia

interventi

STRATEGIE PER I TERRITORI DELLA FRANCIACORTA MICHÈLE PEZZAGNO Università degli Studi di Brescia

RICERCA E SOSTENIBILITÀ IN FRANCIACORTA SILVANO BRESCIANINI presidente del Consorzio Franciacorta

FRANCIACORTA, UN PERCORSO TERRITORIALE INNOVATIVO ED EUROPEO ANTONIO VIVENZI Università Cattolica, sede di Brescia, già Presidente dell’accordo dei sindaci della Franciacorta

LA RISERVA NATURALE DELLE TORBIERE DEL SEBINO: DA RISORSA PRODUTTIVA A BENE AMBIENTALE ANTONELLA PIETTA Università degli Studi di Brescia

riflessioni conclusive

MAURIZIO TIRA rettore dell’Università degli Studi di Brescia Intuizione, entusiasmo e dedizione di pochi, protagonisti di un avvio imitato da una schiera di appassionati al seguito, travolti da passione viticola ed enologica, hanno lasciato in mezzo secolo un’impronta di cambiamento nelle colline bresciane, che da Brescia degradano verso il lago d’Iseo. Ne è scaturito il “miracolo” Franciacorta, la cui trasfigurazione è certificata dai numeri del suo prodotto interno lordo e dall’apprezzamento di turisti ed estimatori dell’eccellenza dei suoi prodotti e della originale bellezza dei suoi paesaggi.

Venerdì 8 febbraio – ore 17.30 AAB – Associazione Artisti Bresciani Vicolo delle Stelle, 4: CONFERENZA
LE VICENDE FIGURATIVE E MONUMENTALI DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA NELLA LORO BASILICA LUCIANO ANELLI storico dell’arte a cura dell’AAB – Associazione Artisti Bresciani

I muri venerabili e ricchi di sorprese della basilica, sapientemente indagati dalla perizia dello storico dell’arte, restituiscono preziose inedite testimonianze, che gettano luce sulla figura dei Santi Patroni dei bresciani e delineano un profilo dai tratti nuovi e originali del loro volto, rappresentato da diversi artisti, animati dallo spirito di essere fedeli interpreti di sentimenti popolari e di attenzioni colte, ininterrottamente manifestati nei secoli con la pratica di un culto mai venuta meno.

venerdì 8 febbraio dalle ore 20 alle 24 da sabato 9 a sabato 16 febbraio tutti i giorni dalle ore 18.30 alle 24
in castello

Ingresso gratuito dalle ore 18.30
ultimo ingresso alle ore 22.30
www.cidneon.com

CIDNEON FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LUCI
Promosso dal Comitato Amici del Cidneo Onlus con la direzione artistica dell’Associazione Cieli Vibranti L’invito è a compiere una passeggiata unica tra videoproiezioni, installazioni luminose e performance musicali, che nel vivificare l’antico maniero ne svelano i prospetti più inediti e suggestivi, rappresentando con la suggestione della luce le straordinarie bellezze della storia, dell’arte e dell’ingegno italiano.

Sabato 9 febbraio – ore 16.30 dalla basilica dei Santi Faustino e Giovita alla Loggia CERIMONIA DEL GALERO ROSSO O DEL CAPÈL

Fin dal medioevo in occasione della ricorrenza della festa dei Santi Patroni l’abate del monastero di San Faustino, ricevuta la supplica dai rappresentanti della città, si recava in Comune per consegnare ai rettori un berretto, simbolo di protezione e segno di accoglimento della supplica, che era stata loro rivolta dai rettori a nome di tutti i bresciani.

Il gesto, carico di simboli, richiamava l’istituto giuridico del launehil previsto dalle leggi longobarde, con cui si dava sanzione ad un patto sottoscritto dalle parti: in quel caso il patto di fedeltà reciproco fra la città e i due giovani martiri bresciani. Da qualche anno – ed è ormai tradizione – il sabato che precede la festa del 15 febbraio il parroco di San Faustino raggiunge palazzo Loggia, per consegnare nelle mani del sindaco il galero rosso, simbolo di protezione e concreta testimonianza della benevolenza confermata alla città dai suoi Santi Patroni. Nel lungo corteo lo accompagnano le rappresentanze di enti e associazioni della comunità bresciana, sia cittadina che della provincia.

La folla, che accorre ogni anno sempre più numerosa lungo via San Faustino e in piazza Loggia, testimonia con genuino stupore ed emozione la propria adesione alla manifestazione e, condividendone i simboli e i messaggi, esprime l’apprezzamento per un’iniziativa che nel recuperare la tradizione mira a riproporre e a mettere in risalto valori e sentimenti del passato, che confermano alcuni tratti tipici della brescianità.

Sabato 9 febbraio – dalle ore 15 Pinacoteca Tosio Martinengo – piazza Moretto, 4
VISITA GUIDATA TALKS! CONVERSAZIONI AD ARTE a cura di Fondazione Brescia Musei
Ingresso gratuito. È richiesta la prenotazione
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Un ospite misterioso guiderà alla scoperta di segreti, curiosità e inedite interpretazioni personali delle collezioni.

Da sabato 9 a venerdì 15 febbraio – ore 20 Santuario Santa Maria delle Consolazioni Piazzetta delle Consolazioni, contrada Sant’Urbano
SANTO ROSARIO PER LA CITTÀ E BENEDIZIONE
Secondo la tradizione la chiesa, in antico San Faustino in castro, fu edificata sul sito del carcere, nel quale Faustino e Giovita furono rinchiusi prima del martirio.

Domenica 10 febbraio – dalle ore 9 alle 19 Piazza Vittoria
ESPOSIZIONE ANTIQUARI IN PIAZZA PER SAN FAÜSTÌ, IL MEGLIO
a cura dell’Associazione antiquari, restauratori e rigattieri

Passione e lavoro consegnano a nuovi affetti manufatti preziosi e oggetti quotidiani carichi di storia e umanità.

Domenica 10 febbraio – ore 10.30 Pinacoteca Tosio Martinengo, piazza Moretto, 4
L’ICONOGRAFIA DEI PATRONI SANTI ED EROI PERCORSO NARRATIVO PER PERSONE ADULTE
a cura di Fondazione Brescia Musei
Prenotazione obbligatoria. Costo: 10 € cad.
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Un itinerario affascinante conduce i visitatori dalla Pinacoteca al Museo di Santa Giulia, fino ai meandri dei depositi alla scoperta di dipinti e materiali, anche inediti, che raccontano della grande devozione cittadina per i Santi Patroni e della loro particolare iconografia, che li vede ora in veste di santi e ora di eroi.

Domenica 10 febbraio – ore 15 Museo Santa Giulia – via Musei, 81b
VISITA GUIDATA NELLA LINGUA DEI SEGNI
a cura di Fondazione Brescia Musei
Prenotazione obbligatoria. Costo: 3 € cad.
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Speciale itinerario alla scoperta dei tesori del Museo, riservato a gruppi di persone sorde e sordomute,
condotto nella Lingua Italiana dei Segni (LIS).

Domenica 10 febbraio – ore 15.30 Auditorium del Museo di Santa Giulia – via Piamarta
OPERA DEL MESE L’IDEALE GUERRIERO ARMI LONGOBARDE TRA SANTA GIULIA E IL MUSEO DELLE ARMI
a cura di Fondazione Brescia Musei
Ingresso libero
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Alla scoperta delle ultime novità sulle armi longobarde del VII secolo dei musei di Santa Giulia e “Luigi Marzoli”.

Domenica 10 febbraio Basilica dei Santi Faustino e Giovita ore 10
CERIMONIA OSTENSIONE DELLE RELIQUIE DEI SANTI MARTIRI ALLA DEVOZIONE DEI FEDELI ore 18.15
MESSA CONCERTATA “MISSA MEMORIAE” INNO A PAOLO VI “È NEL PROFONDO DEL CUORE” di FRANCESCO ANDREOLI

Per coro a 4 voci miste, orchestra d’archi, corno inglese, marimba e percussioni Satoko Shikama soprano Michele Andreoli marimba Giuseppe Frosio Marchioni corno inglese Orchestra da camera “Santa Cecilia” di Gambara Brixia Camera Chorus dirige Francesco Andreoli

Con questa “Missa memoriae” Francesco Andreoli ha voluto rendere omaggio a san Paolo VI, primo pontefice ad andare in Terra Santa e in India; il primo a visitare un paese islamico; a spingersi in America Latina, Oceania, Africa. Ora, a pochi mesi dalla canonizzazione, con la sua musica l’autore ha voluto ripercorre idealmente non solo i suoi itinerari, ma soprattutto il senso di quei viaggi che ne hanno fatto un “parroco del mondo”, un papa che ha scelto di uscire dal Vaticano per andare incontro alla gente. Nell’Inno il compositore ha inteso sottolineare con la musica lo spirito più genuino e innovativo del suo messaggio apostolico. Compendio di brani dalle encicliche e dai discorsi del grande papa bresciano, il testo è un condensato di sapienza cristiana, una sintesi della sua mistica e della sua originale spiritualità donate al mondo, evidenziate dal ritmo solenne della musica, che giunge al cuore con un fraseggio melodico coinvolgente.

Lunedì 11 febbraio – ore 20.30 Chiesa di San Giorgio – via Gasparo da Salò
CONCERTO LE QUATTRO STAGIONI DI ANTONIO VIVALDI
Orchestra Antonio Vivaldi
violino Ksenia Milas
dirige il maestro Giancarlo De Lorenzo

Nelle sue armonie il sommo musicista veneziano fa rivivere, trasfigurandole, magia e meraviglia del succedersi senza fine delle stagioni.

Martedì 12 febbraio – ore 9.30 Camera di Commercio, sala Congressi – via Einaudi, 23
SEMINARIO IL FUTURO DEL LAVORO IL LAVORO DEL FUTURO
a cura di Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Brescia

introduce e coordina
MASSIMO ZILETTI
segretario generale della Camera di Commercio di Brescia

interventi
INIZIARE SIMULANDO GIORGIO LONARDI
Confcooperative – Brescia

È FACILE FAR SOLDI CON INTERNET?
CHI E COME FA SOLDI ONLINE?
TESTIMONIANZE DI PROTAGONISTI

conclusioni

DON MAURIZIO FUNAZZI presidente della Confraternita dei Santi Faustino e Giovita
Il mondo digitale è generatore di business e nuove professioni. Non sempre, tuttavia, sono immediatamente percepite la natura imprenditoriale e le competenze professionali che supportano attività vissute come ludiche. I casi verranno raccontati attraverso i riferimenti che i ragazzi già possiedono, chiarendo loro l’organizzazione e le strutture conomiche e giuridiche delle attività di influencer, VIP, artisti e aziende di riferimento, e fornendo spunti di eragionamento sulla necessità della consapevolezza rispetto al mezzo digitale del lavoro in chiave etica.

CIDNEON FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LUCI INSTALLAZIONE

Bastione di San Pietro SFILATA DI LUCE KIM TAE GON Corea del Sud Istituto tecnico superiore “Lonati Machina” Accademia “Santa Giulia” In omaggio alla grande tradizione della moda italiana, un’onirica sfilata di abiti luminosi, realizzati in diversi modelli dall’artista sudcoreano KimTaeGon e dagli studenti di Machina Lonati e dell’Accademia S. Giulia coordinati da Barbara Toselli e Stefano Mazzanti.

Martedì 12 febbraio – ore 16.30 Università Cattolica del Sacro Cuore Sala della Gloria – via Trieste, 17
PRESENTAZIONE DEL VOLUME ANATOMIA DI UN MIRACOLO I SANTI FAUSTINO E GIOVITA ALL’ASSEDIO DI BRESCIA (DICEMBRE 1438)

coordina
NICOLANGELO D’ACUNTO
presidente Centro Studi Insediamenti Monastici Europei

intervengono
MARIO TACCOLINI
pro rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
MAURIZIO FUNAZZI
presidente della Confraternita dei Santi Faustino e Giovita
EMILIO DEL BONO
sindaco di Brescia
commenta il volume
UMBERTO LONGO
Università La Sapienza di Roma

a cura di CESIME – Centro Studi sugli Insediamenti Monastici Europei Università Cattolica del Sacro Cuore – sede di Brescia

Si presentano i risultati dell’indagine condotta per ricostruire le motivazioni che secondo la tradizione indussero i Santi Patroni ad intervenire al Roverotto il 12 dicembre 1438 in soccorso dei bresciani assediati dalle truppe milanesi agli ordini del Piccinino.

Martedì 12 febbraio – ore 21 Nuovo Eden – via N. Bixio, 9
DOCUFILM QUI È ORA DI GIORGIO HORN
prodotto da Odielle e Fondazione Ente dello Spettacolo
in collaborazione con Todos contentos y yo tambien

Ragazzi ed animatori nel percorso di formazione, che lascia ricordi indelebili, in alcuni oratori lombardi, compresi due della nostra città tra i più ricchi di occasioni di incontro e confronto con culture diverse.

CIDNEON FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LUCI INSTALLAZIONE

Fibre ottiche e tessuti, strascichi e strip led: benvenuti sulla passerella degli stilisti della luce

Bastione di San Pietro SFILATA DI LUCE KIM TAE GON Corea del Sud
Istituto tecnico superiore “Lonati Machina”
Accademia “Santa Giulia”

In omaggio alla grande tradizione della moda italiana, un’onirica sfilata di abiti luminosi, realizzati in diversi modelli dall’artista sudcoreano KimTaeGon e dagli studenti di Machina Lonati e dell’Accademia S. Giulia coordinati da Barbara Toselli e Stefano Mazzanti.

Mercoledì 13 febbraio – ore 14.30 Fondazione Civiltà Bresciana – Salone “M. Piazza” v.lo San Giuseppe, 5
CONVEGNO LA DIFFUSIONE DEL CULTO DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA IN ITALIA

saluti

MARIO GORLANI
presidente della Fondazione Civiltà Bresciana

MAURIZIO FUNAZZI
presidente della Confraternita dei Santi Faustino e Giovita

EMILIO DEL BONO
sindaco di Brescia

SAMUELE ALGHISI
presidente della Provincia di Brescia

STEFANO BRUNO GALLI
assessore all’Autonomia e Cultura della Regione Lombardia

coordina
ANGELO BARONIO
segretario della Confraternita dei Santi Faustino e Giovita Un culto che attraversa i secoli quello rivolto ai due martiri bresciani e che non è circoscritto negli orizzonti della terra bresciana, ma si è diffuso con rapidità non solo a nord degli Appennini, ma anche nel centro e nel meridione d’Italia. Obiettivo della ricerca é di ritrovare le testimonianze che hanno segnato percorsi, modi e tappe di tale diffusione.

ALL’ORIGINE DEL CULTO DEI SANTI PATRONI CITTADINI MARCO RIZZI
Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

LA DIFFUSIONE DEL CULTO DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA NELL’ITALIA SETTENTRIONALE SIMONA GAVINELLI
Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

LA DIFFUSIONE DEL CULTO NELLA TUSCIA
GIANNI BERGAMASCHI ricercatore

LA DIFFUSIONE DEL CULTO NEL MEZZOGIORNO
MARIO IADANZA Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli

ICONOGRAFIA E CULTO DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA A BRESCIA
FIORELLA FRISONI Università degli Studi di Milano

ICONOGRAFIA E CULTO DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA IN TERRITORIO BRESCIANO
ANGELO LODA Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Brescia e Bergamo

ICONOGRAFIA E CULTO DEI SANTI FAUSTINO E GIOVITA IN AREA PADANA ELISABETTA REALINI
Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Giovedì 14 febbraio – ore 11 salita al Castello da Piazzale Arnaldo monumento dei Santi Patroni al Roverotto
DEPOSIZIONE DI UNA CORONA D’ALLORO AL ROVEROTTO ALLA PRESENZA DI AUTORITÀ RELIGIOSE, CIVILI E MILITARI RIEVOCAZIONE CON LE VOCI NARRANTI DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE PRIMARIE DI PRIMO GRADO DELLA CITTÀ

Il gesto semplice e pieno di riconoscenza delle autorità nel luogo in cui i Santi Patroni difesero la città assediata, in un episodio che le voci emozionate dei bambini rievocano con passione e semplicità.

Giovedì 14 febbraio – ore 15.30 Museo delle Armi “Luigi Marzoli” – castello
AZIONE SCENICA L’AMORE QUANDO C’È…
a cura di Fondazione Brescia Musei
Prenotazione obbligatoria.
Costo: € 10 adulti
€ 7.50 over 65 e ragazzi dai 14 ai 18 anni
€ 4.50 dai 6 ai 13 anni
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Un divertente dialogo a due voci rievoca un medioevo marginale e fantasioso, che si confronta con la realtà storica, tra cavalieri, donne amate, spose in eterna attesa, ronzini e destrieri.

Giovedì 14 febbraio – ore 18.15 Basilica dei Santi Faustino e Giovita
SANTA MESSA DELLA VIGILIA PRESIEDE MONS GAETANO FONTANA VICARIO GENERALE DELLA DIOCESI DI BRESCIA

Venerdì 15 febbraio dall’alba al tramonto Via San Faustino e dintorni
TRADIZIONALE FIERA

Venerdì 15 febbraio Basilica dei Santi Faustino e Giovita ore 8 e 9.30

SANTE MESSE

ore 11
MESSA PONTIFICALE presiede mons. PIERANTONIO TREMOLADA vescovo di Brescia con la partecipazione della Corale dei Santi Faustino e Giovita

ore 12.45
SANTO ROSARIO PER LA CITTÀ E LA DIOCESI DI BRESCIA

ore 15
SANTA MESSA IN LINGUA INGLESE CON LA COMUNITÀ FILIPPINA DI BRESCIA

ore 17
VESPRI SOLENNI

ore 18.15
CELEBRAZIONE EUCARISTICA presiede mons. GABRIELE FILIPPINI rettore del Seminario Vescovile con la partecipazione dei seminaristi e del Coro del Seminario

ore 20
SANTA MESSA
con la partecipazione del Coro Polifonico “Vox Lucis”

Nella figura dei santi Faustino e Giovita, sacerdote e diacono, la solennità della liturgia sottolinea la loro perseveranza nel testimoniare la scelta compiuta, fino al martirio. I frutti sovrabbondanti del loro sacrificio sono nuovamente offerti ai bresciani vecchi e nuovi, accolti sotto la loro protezione operosa.

ore 21
CONCERTO AI PIEDI DELLA “LUCE” LA CHIESA CAMMINA ILLUMINATA DAI SANTI
Coro Polifonico “Vox Lucis”
solista: Elena Gallo
dirige il maestro Armando Maria Rossi

Fossa dei martiri

ANAMNESI LABA
Beatrice Brugali
Stefano Chiapparini
Greta Gardoni
Paola Inverardi

A cura degli studenti dell’accademia bresciana LABA, coordinati dai docenti Nazareno Cerquaglia e Andrea Paroli.
In ricordo delle vittime della strage di piazza della Loggia, l’installazione si compone di due elementi: una folla costituita da una moltitudine di fonti luminose e un tempio, presidio della memoria, composto da venti colonne di luce.
Con una sequenza luminosa e sonora, gli autori ricostruiscono gli eventi del 28 maggio 1974, ricordando la ferita mai rimarginata al cuore della città.

Venerdì 15 febbraio – ore 9-12 / 14-17.30 Chiesa di Santa Maria del Carmine Contrada del Carmine
APERTURA STRAORDINARIA DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DEL CARMINE
a cura dell’Associazione Amici della Chiesa del Carmine

L’occasione offre la possibilità di visitare un monumento straordinario, sconosciuto anche a molti bresciani, e di scoprirne la bellezza e i tesori d’arte che conserva.

Venerdì 15 febbraio – ore 9.30 Ateneo di Brescia – Accademia di Scienze, Lettere e Arti via Tosio, 12
CERIMONIA PREMIO BRESCIANITÀ
assegnato dall’Ateneo di Brescia Accademia di Scienze Lettere e Arti in collaborazione con la Fondazione Civiltà Bresciana

In un’occasione solenne la comunità bresciana, evidenziandone il profilo con il premio, rende omaggio ai estimoni di una vita vissuta, perseverando nei valori della più genuina brescianità.

Venerdì 15 febbraio – ore 16 Sala-teatro – via Calatafimi, 8c
CERIMONIA PREMIO SANTI FAUSTINO E GIOVITA CONCORSO DI POESIA DIALETTALE PREMIAZIONE DEI VINCITORI
a cura della Fondazione Civiltà Bresciana

Continua la tradizione gloriosa del premio di poesia dialettale, momento importante per mettere in risalto il
contributo di autori raffinati alla crescita complessiva della cultura bresciana.

Sabato 16 febbraio – ore 17 Galleria UCAI – vicolo San Zenone, 4
CONCERTO BAND “APNEA”
a cura dell’Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Brescia

L’entusiasmo e la freschezza dei giovani musicisti alle prese con la musica dal vivo, l’emozione del palco
e il confronto col pubblico.

Domenica 17 febbraio – ore 15 Pinacoteca Tosio Martinengo – piazza Moretto, 4
VISITA GUIDATA INCROCI
a cura di Fondazione Brescia Musei
Prenotazione obbligatoria. Costo: 3 € cad.
CUP Museo di Santa Giulia 030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com
Visita in lingua spagnola alla Pinacoteca condotta da un mediatore culturale.

Domenica 17 febbraio Basilica dei Santi Faustino e Giovita
ore 10
SANTA MESSA REPOSIZIONE DELLE RELIQUIE DEI SANTI MARTIRI

ore 20.30
CONCERTO CORO LIRICO BRESCIANO “G. VERDI”
MUSICHE DI A. BOITO, G. DONIZETTI, C. GOUNOD, P. MASCAGNI, F. MENDELSSOHN, G. ROSSINI, G. VERDI
Orchestra Sinfonica dei Colli Morenici
dirige il maestro Edmondo Mosè Savio

Le arie della tradizione operistica e le armonie della musica sacra, impreziosite dall’esecuzione del “Credo” di Donizetti, risuonano tra le architetture e i sontuosi affreschi della basilica dei Santi Faustino e Giovita per suggellare con la gioia del canto corale la ricorrenza della festa dei Santi Patroni.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania