Quantcast

Banner Gori
Anziano truffato dopo l’annuncio per vendere l’auto
Cronaca Lombardia MANTOVA

Anziano truffato dopo l’annuncio per vendere l’auto nel sito “Subito.it”

Anziano truffato dopo l’annuncio per vendere l’auto nel sito “Subito.it”. Scoperto e denunciato dai Carabinieri di Asola.

Martedi’ 6/10/2020 i carabinieri della stazione di asola hanno denunciato alla procura della repubblica di Mantova un cittadino italiano, residente in provincia di Varese, responsabile del reato di truffa.

La vicenda risale a qualche settimana prima quando un anziano signore residente nel comune di asola si rivolgeva alla locale caserma dei Carabinieri per denunciare di aver subito una Truffa.

Raccontava, con dovizia di particolari, di aver inserito nel sito “Subito.it” un annuncio di vendita della propria Autovettura e di essere stato contattato lo stesso giorno da un uomo, con accento italiano, che riferiva di essere Interessato e di volerla acquistare quanto prima.

L’anziano, soddisfatto dell’affare che stava per concludere, concordava col venditore le modalità di pagamento della vettura, accordandosi per la cifra di euro 1.400.00. Ed e’ proprio in questa fase che inziava, purtroppo, il raggiro da parte del fantomatico acquirente.

Questi, infatti, riferiva all’anziano signore che grazie alle “nuove Tecnologie” avrebbe ricevuto la somma pattuita direttamente sulla sua carta bancomat e che per effettuare tale operazione doveva recarsi presso il più vicino sportello bancomat e che poi, telefonicamente, gli avrebbe spiegato come effettuare l’operazione.

L’anziano, convinto anche dai modi gentili e garbati dell’interlocutore, si recava presso uno sportello atm.

Nuovamente contattato telefonicamente, veniva invitato ad inserire la carta bancomat nell’apposito lettore, quindi Pilotato nell’effettuare tutta una serie di operazioni.

Dopo aver salutato e pure ringraziato l’acquirente, l’anziano consultava la ricevuta dell’operazione effettuata constatando, amaramente, che in realtà aveva effettuato una ricarica di euro 1.400 su una carta prepagata e non l’accredito della somma di danaro.

Le indagini immediate da parte dei carabinieri di Asola effettuate tramite la carta prepagata su cui era stata accreditata la somma di denaro, hanno consentito di identificare l’autore della truffa che, tra l’altro, è risultato essere non nuovo a reati dello stesso genere.

L’uomo, un 41enne residente in provincia di Varese, dovrà ora rispondere all’a.g. del reato di truffa.

Redazione Lombardia / Cristina Adriana Botis

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

In merito all'autore

Cristina Adriana Botis

Cristina Adriana Botis

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più