Quantcast
Banner Gori
I Carabinieri lo hanno scoperto durante controlli in zona Ciaculli
PALERMO

Carabinieri scoprono fucile in un maneggio, arrestato ai domiciliari il proprietario

I Carabinieri lo hanno scoperto durante controlli a Ciaculli nel Comune di Palermo, il cui proprietario è già noto alle Forze dell’Ordine.

Il 29 Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Acqua dei Corsari a Palermo, hanno arrestato per detenzione illegale di armi e munizionamento P.e., 49enne palermitano, già noto alle forze dell’ordine.

Nel corso di un controllo all’interno di un maneggio di proprietà dell’uomo, in zona Ciaculli, i militari hanno scoperto un fucile da caccia cal. 12, marca Beretta, diverse cartucce e una carabina ad aria compressa.

Da accertamenti il fucile risulta essere tra il bottino di una rapina perpetrata nel 2015 a Misilmeri.

Le armi e le munizioni sono state sottoposte a sequestro; sulla carabina sarà accertata l’effettiva potenza giacché la stessa è di libera vendita qualora non superi i 7,5 joule. Il fucile verrà inviato al laboratorio del Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Messina per accertamenti balistici al fine di verificarne l’utilizzo in azioni delittuose.

L’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Adduso Sebastiano

Il 29 Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Acqua dei Corsari a Palermo, hanno arrestato per detenzione illegale di armi e munizionamento P.e., 49enne palermitano, già noto alle forze dell’ordine. Nel corso di un controllo all’interno di un maneggio di proprietà dell’uomo, in zona Ciaculli, i militari hanno scoperto un fucile da caccia cal. 12, marca Beretta, diverse cartucce e una carabina ad aria compressa. Da accertamenti il fucile risulta essere tra il bottino di una rapina perpetrata nel 2015 a Misilmeri. Le armi e le munizioni sono state sottoposte a sequestro; sulla carabina sarà accertata l’effettiva potenza giacché la stessa è di libera vendita qualora non superi i 7,5 joule. Il fucile verrà inviato al laboratorio del Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Messina per accertamenti balistici al fine di verificarne l’utilizzo in azioni delittuose. L’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più