Quantcast
Banner Gori
Ospedale Piemonte di Messina
Opinioni Sicilia

Ospedale Piemonte di Messina: Puzza Di Bruciato (M. Lo Piano)

  Ospedale Piemonte di Messina

Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Piemonte di Messina, per piu’ di un cinquantennio ha dato i Natali a migliaia di Messinesi ed e’ stata una struttura molto apprezzata, e amata al tempo stesso, dalla Citta’.

In questi ultimi tempi, la politica che conta (quella palermitana), ha accorpato Il Piemonte al Papardo, le polemiche per questa scelta poco felice, si sono perse, la Cittadinanza e’ scesa in Piazza piu volte, ha protestato energicamente, qualcosa si e’ ottenuta,……quella che in entrambi i Presidi Ospedalieri continui a regnare il caos.

Sono scontenti tutti, compresi gli operatori sanitari, che sono costretti secondo i turni a correre da un’ospedale all’altro, con notevole dispendio di forze fisiche ed energie economiche.

Dopo questa prefazione passiamo ai fatti :

Lo scandalo dell’arresto dei 2 medici ospedalieri, Giuseppe Luppino, Primario del reparto Anestesia e Rianimazione del Papardo e il Dirigente medico di Ostetricia e Ginecologia dello stesso Ospedale Giovanni Cocivera, ha ancora una volta portato la Citta’ di Messina agli onori della Stampa Nazionale.

I Magistrati inquirenti il Sostituto Procuratore Dott. Marco Accolla, unitamente al Procuratore aggiunto Dott. Giovannella Scaminaci, li accusano di aver volutamente dirottato numerose pazienti dalle strutture ospedaliere verso i loro studi privati.

Con la modica sommma oscillante fra le 700 e le 1200 euro, operavano aborti clandestini, non curanti del rischio che potevano correre le loro pazienti se qualcosa durante l’intervento fosse andato storto. Questo nuovo caso di cattiva gestione della Sanita’, lascera’ senza dubbio un senso d’amaro, di rabbia, d’impotenza per qualcosa che con un po’ di buona volonta’ poteva essere evitato.

Entriamo nel merito di questa squallida, quanto triste vicenda :

Dopo gli arresti dei 2 Medici ospedalieri, Michele Vullo in una improvvisata conferenza Stampa, ha dichiarato che era a conoscenza dei fatti gia’ da quando era stato nominato Direttore dei 2 Nosocomi, eravamo nel 2014;

Continuando nelle sue spontanee dichiarazioni, ha detto che :

Venuto a conoscenza delle possibili conseguenze penali che ne sarebbero sorte divulgando la notizia, aggiunge ancora il Vullo, ne aveva parlato ad alcuni Politici palermitani, la stessa Borsellino ne sarebbe stata informata quando ancora ricopriva la carica di Assessore alla Sanita’ palermitana. (viene il dubbio che lo abbia fatto in camera caritatis) senza rendere pubblici i loro nomi e cognomi.

Come se cio’ non bastasse continuando nelle sue dissertazioni; il Vullo asserisce che alcuni politici messinesi, per non avere rogne abbiano fatto orecchie da mercante e si siano defilati.

Avendo ascoltato queste parole, e’ lecito chiedersi perche’ il Michele Vullo, visto che ne aveva l’Autorita’, i mezzi, la competenza e la possibilita’ di farlo; non si e’ recato spontaneamente alla Procura della Repubblica, esponendo i fatti?

Codice Penale :

Il Favoreggiamento Art. (378 e 379 Cpp, )e’ un delitto contro l’Autorita’ Giudiziaria, in quanto chi lo attua, ostacola il corso della Giustizia, sia aiutando l’autore del reato ad assicurarsi un profitto, o il prodotto del medesimo, nascondendo la persona, o aiutandola direttamente o indirettamente ad eludere le investigazioni.

Saranno i Magistrati a stabilirlo, nei confronti di tutti coloro che sapevano, ma hanno preferito farsi i cavolacci propri, il Michele Vullo ha dichiarato di aver sentito “PUZZA DI BRUCIATO” poteva rendere edotte le persone giuridiche giuste che avrebbero potuto spegnere molto prima, quest’ultimo incendio nella Sanita’ Pubblica messinese.

vivicentro.it-isole-opinione / Ospedale Piemonte di Messina: Puzza Di Bruciato (M. Lo Piano)

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mauro Lo Piano

Mauro Lo Piano

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più