Quantcast

Banner Gori
ora i due titolari, marito e moglie, sono stati arrestati
Cronaca Sicilia SICILIA

Arrestati a Palermo i titolari di fatto di una comunità alloggio per anziani

La comunità alloggio era stata chiusa per maltrattamenti aggravati e ora i due titolari, marito e moglie, sono stati arrestati.

Ci eravamo occupati del caso in un precedente articolo “11 Gennaio 2020 Palermo, anziano immobilizzato e picchiato a letto in una casa di riposo … Un anziano immobilizzato, imbavagliato e percosso in una comunità alloggio a Palermo. Un blitz della Polizia di Stato, operazione “Anni neri”, ha dato esecuzione alla misura cautelare, emessa dal Gip, del divieto di dimora nei Comuni di Palermo, Altofonte, Belmonte Mezzagno, Ficarazzi, Monreale, Misilmeri, Villabate e Bagheria, nei confronti di cinque indagati responsabili a vario titolo di maltrattamenti aggravati. Uno degli indagati percepiva il reddito di cittadinanza.

Adesso, agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. Zisa Borgonuovo hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di RICCOBONO Michele c. 56 e CAMARDA Brigida, cl. 61, già titolari di fatto della Comunità Alloggio “Anni Azzurri”, che era stata chiusa lo scorso 8 Gennaio a seguito dell’esecuzione delle misure cautelari del divieto di dimora emesse dal GIP di Palermo.

È stato ripristinato, inoltre, il divieto di dimora nei comuni di Palermo, Altofonte, Belmonte Mezzagno, Ficarazzi, Monreale, Misilmeri, Villabate e Bagheria per il figlio RICCOBONO Edoardo, cl. 91.

All’indomani dell’emissione dell’originaria ordinanza applicativa di misure cautelari dello scorso 3 gennaio, la Procura della Repubblica aveva proposto appello avverso il Divieto di dimora nei Comuni di Palermo, Altofonte, Belmonte Mezzagno, Ficarazzi, Monreale, Misilmeri, Villabate e Bagheria ed il Tribunale del Riesame, nel mese di Marzo, aveva accolto in parte il predetto ricorso applicando a tutti 5 cinque gli indagati la misura più grave degli arresti domiciliari: misura tuttavia sospesa dal ricorso per Cassazione presentato da 4 dei 5 indagati.

BRIOLOTTA Rosa, la badante notturnista, che aveva rinunciato ab origine alla sospensione dell’esecuzione, di fatto accettandone il corso, si trova già agli arresti domiciliari dallo scorso 8 Maggio.

Ieri la Suprema Corte ha rigettato il ricorso proposto dai tre indagati, facendo venire meno la “sospensiva” in corso e rendendo quindi esecutiva l’ordinanza originaria.

Per tale motivo, ultimate le operazioni di rito, i due coniugi indagati sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre nei confronti del figlio della coppia – RICCOBONO Edoardo – essendo stato respinto anche il suo ricorso, è stato ripristinato il divieto di dimora a Palermo e parte della provincia.

A tutti e tre gli indagati, inoltre, è stata notificata anche la misura interdittiva del divieto di esercitare imprese o uffici direttivi di persone giuridiche.

Le indagini, coordinate dal PM D.ssa Maria Rosaria Perricone della locale Procura della Repubblica – IV Dip. “Fasce deboli”, diretto dal Procuratore Agg. Annamaria PICOZZI, hanno permesso di scoprire che all’interno della comunità tutti i degenti venivano maltrattati.

Le condotte lesive venivano soprattutto esercitate nei confronti di uno solo degli anziani, poi deceduto a seguito di un malore occorsogli all’interno della stessa struttura.

Il GIP di Palermo, peraltro, originariamente aveva riconosciuto solo quell’anziano come persona offesa nel procedimento: decisione sovvertita dal riesame che ha esteso la responsabilità degli indagati anche nei confronti di tutti gli ospiti presenti nella struttura di Via Benedetto Marcello.

Le investigazioni, esperite anche con l’ausilio di intercettazioni audio/video, da settembre a dicembre 2019 – hanno registrato più di 100 episodi di condotte vessatorie, denigranti, lesive della dignità umana, oltre a percosse e immobilizzazioni, tali da ingenerare nei poveri degenti uno stato di totale soggezione. In più occasioni, sono stati sedati ed imbottiti di psico-farmaci, che li mantenevano in una situazione di perenne dormiveglia.

Le tantissime condotte registrate hanno consentito di acclarare una situazione di maltrattamenti generalizzata nei confronti di tutti gli anziani ospiti, tutti beneficiari dei sussidi previsti dalla “legge 104” e quindi soggetti portatori di handicap in situazione di gravità: tale condizione ha aggravato le posizioni giudiziarie degli indagati.

L’accanimento nei confronti del povero degente, poi deceduto, era motivato dalla circostanza che lo stesso fosse ritenuto “colpevole” di eccessive doglianze per i dolori connessi al suo precario stato di salute, arrecando in tal modo “disturbo” agli altri ospiti ed agli stessi badanti/gestori.

Costantemente, ingiuriato e offeso, minacciato, sottoposto a soprusi e vessazioni di ogni genere, molto spesso veniva lasciato piangere e lamentarsi anche per ore piuttosto che essere accompagnato in bagno per effettuare i bisogni fisiologici; altre volte immobilizzato, imbavagliato e percosso.

Tutti gli altri ospiti, costretti ad assistere alle condotte lesive operate nei confronti dell’uomo, sapevano di non poter esigere più del minimo concesso.

In tal modo, era sufficiente una sola badante ogni turno per far fronte alle esigenze di 13-14 anziani, minimizzando i costi di gestione.

Oltre alla mancata assistenza dovuta all’esiguo numero di badanti, seppur in modo meno incisivo, anche altri anziani sono risultati “bersaglio” di insulti e percosse.

Tutti gli operatori all’interno della struttura, inoltre, lavoravano “in nero” e nessuno di essi era in possesso di alcuna attestazione professionale utile a svolgere tale attività.

L’opinione.

Quando scrivo un certo tipo di articoli, scuoto la testa e mi dico che ormai forse non c’è più nulla da fare, poiché non è solo una questione di violazione di norme e principi civili e umani, bensì di tutta evidenza le persone sono come pazze, dai piani più alti all’ultimo gradino, anzi direi sociopatiche, cioè fanno del male ma anche a se stessi e tutto senza neanche una chiara perfida pianificazione, come invece è tipico dei psicopatici. Ma come si è arrivati a questa, molto preoccupante, soglia sociale di sparsa nevrosi se non persino psicosi ? Purtroppo è anche vero e lampante, che i primi ad essere intanto sociopatici sono da anni quelli in politica e quindi la situazione non può che peggiorare, in quanto sono loro che fanno le leggi. Come se ne uscirà ? Temo così continuando non bene.

Adduso Sebastiano

11 Gennaio 2020 Palermo, anziano immobilizzato e picchiato a letto in una casa di riposo

Arrestati Arrestati Arrestati  Arrestati 

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più