Quantcast
Banner Gori
Paolo Borsellino strage via D'Amelio
Cronaca Sicilia

19 luglio: un minuto di silenzio per strage via D’Amelio

19 luglio: alle 16.58 le note del silenzio rievocano il boato di 24 anni fa, quando il tritolo mafioso dilaniò il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina. In alto le agende rosse e poi un lungo applauso. Per tutta la giornata il popolo delle agende rosse ha animato la strada con tantissimi bambini coinvolti in molte attività educative e di gioco. Decine di striscioni campeggiano sulla cancellata del palazzo dove abitava la madre del giudice: la maggior parte sono del movimento “Le agende rosse”, portate da volontari provenienti da più parti della Sicilia e d’Italia, ma anche di Scorta civica e del Siap, il sindacato della polizia e del reparto scorte di Palermo.

Strage Via D’Amelio*, le prime immagini girate subito dopo l’esplosione

vivicentro.it/isole/cronaca –  19 luglio: un minuto di silenzio per strage via D’Amelio

  • Strage di via D’Amelio
    La strage di via D’Amelio fu un attentato di stampo terroristico-mafioso avvenuto in Italia il 19 luglio 1992, in via Mariano d’Amelio a Palermo, nel quale persero la vita il magistrato italiano Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto fu l’agente Antonino Vullo, risvegliatosi in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni

(da video giorgio ruta su repubblica)

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più