Quantcast

Banner Gori
M5S siciliana e Vicepresidente all’Ars anticipa spaccatura
Isole - politica

M5S: nta Sicilia si spaccau? (si spaccò?)

Sulla pagina Facebook della deputata M5S siciliana e Vicepresidente all’Ars, un post con altri tre portavoce anticipa una spaccatura ?

Ci si era occupati di queste avvisaglie di divisione in tempi non proprio sospetti “29 Dicembre 2019 Una donna Vicepresidente dell’ArsLa deputata catanese l’ha spuntata in un’elezione all’ultimo voto su un collega dello stesso movimento, l’attuale capogruppo Francesco Cappello, sul quale puntavano in maniera unanime tutti i grillini”.

Evidentemente già allora non era più così compatto il fronte pentastellato, come si propagandava. Ufficialmente non si era neanche capito cosa fosse accaduto, tanto che dichiaravano dal M5s “erano arrivate garanzie. Difficile a questo punto capire chi sia venuto meno all’accordo” (su Cappello). La deputata Foti è alla sua seconda legislatura. Per notoria regola interna ai Cinque Stelle dovrebbe lasciare la politica alle prossime elezioni di fine 2021.

Ma adesso pare che la spaccatura, nel gruppo parlamentare del M5s all’Assemblea regionale siciliana, si sia quasi ufficialmente aperta. La deputata Cinque Stelle Angela Foti e Vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, ha pubblicato un post sulla rispettiva pagina Facebook, con tanto di foto insieme ai deputati regionali-portavoce del M5S: Matteo Mangiacavallo, Valentina Palmeri e Elena Pagana, i quali contemporaneamente hanno fatto altrettanto nelle proprie pagine Fb.

In questo post è detto:

<<Inutile nascondersi dietro un dito, sono giorni difficili quelli che sta attraversando il gruppo parlamentare del MoVimento 5 Stelle in Sicilia. Giorni difficili che hanno portato i nodi al pettine di un gruppo che non è più tale. Quando vengono meno i principi del dialogo, della solidarietà tra colleghi e del rispetto, valori che ci hanno guidato nel corso di otto lunghi anni, viene meno non solo lo spirito di un gruppo, ma anche il desiderio di farne parte, la voglia e i progetti per i quali si sta insieme. E non ci riferiamo semplicemente ad una palese diversità di intenti tra quelli del “No” e quelli delle “idee buone” che non sono né di destra né di sinistra. La prova di tutto questo, oltre alle illazioni e alle provocazioni lanciate dalle pagine dei giornali già dalla fine dell’anno scorso, è la vicenda che riguarda Sergio Tancredi. Il trattamento riservato al collega, prima ancora che all’amico, Sergio, a cui esprimiamo la nostra solidarietà, ci spinge ad ulteriori riflessioni di cui vogliamo rendervi partecipi. Abbiamo preso i nostri principi e li abbiamo distorti, stravolti e interpretati a piacimento. Quel “nessuno deve rimanere indietro”, portato avanti come vessillo dall’intero gruppo, che doveva significare tendere la mano a chi era in difficoltà, anche tra noi, è svanito nel nulla quando Sergio è stato fatto accompagnare alla porta. Abbiamo preso un compagno di squadra e lo abbiamo pugnalato colpendolo proprio nel suo punto debole. Sapendo delle sue difficoltà gli è stato ripetuto come un mantra – con un cinismo che non dovrebbe appartenere ad un Movimento che si reputa comunità – “o restituisci o ti buttiamo fuori”; solo i più ingenui non hanno capito che era un modo per non confrontarsi e avviare il dibattito su quella linea politica che il gruppo regionale (prima forza politica della regione nel 2017) non è stato in grado di affrontare. Così, per chiudere le bocche a quel desiderio di costruire e onorare il mandato è bastato colpire i punti deboli, dapprima con Sergio, poi, uno per uno, come obiettivi già mirati, verso chi, quei malesseri voleva affrontarli. Non c’è mai stato ascolto, né la reale volontà di trovare una sintesi, il dibattito è sempre stato derubricato a frasi del tipo “o così o ve ne andate”, celandosi dietro le “scelte della maggioranza numerica”, come se la democrazia, anche interna ad un gruppo, non debba racchiudere anche la rappresentatività delle “minoranze”. Abbiamo saputo dell’espulsione di Sergio solo dopo la richiesta, presa in autonomia dal capogruppo, di sostituire con effetto immediato Sergio dalla commissione, a sua insaputa. Le motivazioni le abbiamo scoperte solo dall’ennesima intervista. Sempre tra le righe di quell’intervista abbiamo scoperto che era in atto “un confronto”, non sappiamo con chi, “interrotto dal coronavirus” e che si rendeva necessario un “chiarimento” Purtroppo il confronto, nell’astrazione semplice del termine e nell’accezione politica oltre che interpersonale, non c’è mai stato e il cosiddetto “chiarimento” non è mai avvenuto. Come non é mai stata presa in considerazione la nostra proposta di sostenere formalmente e sostanzialmente il collega Tancredi, sia davanti ai probiviri, chiedendo del tempo per mettersi in regola e garantendo economicamente per lui, sia, come avvenuto in passato con altre vicende giudiziarie, contribuendo alle sue spese legali. Mentre l’amico Sergio veniva sbattuto fuori, siamo stati ignorati. A nessuno dovrebbe essere chiesto di derogare alla propria credibilità, conquistata con sacrificio sul campo della politica e della vita in nome di un posto al sole e della inclusione in un sogno divenuto contenitore vilipeso da goffi tentativi di imitazione dei partiti che prima ci proponevamo di smantellare. Nessuno di noi può accettare una cosa del genere. I principi del Movimento 5 Stelle che con orgoglio abbiamo costruito, portato avanti e difeso sono passati in secondo piano cedendo il passo sotto i colpi di logiche in cui, per fortuna, non ci riconosciamo. Matteo Mangiacavallo, Angela Foti, Valentina Palmeri, Elena Pagana>>.

Il deputato ex M5s Sergio Tancredi a cui fa riferimento la Angela Foti, è stato espulso ad aprile 2020 dai probiviri del Movimento. Ufficialmente poiché da un anno non restituiva parte dello stipendio al Movimento. Tancredi si è sempre giustificato dicendo che aveva una causa in corso con l’ex deputato Antonino Venturino che gli ha chiesto un risarcimento danni da 50 mila euro.

Tancredi sulla sua pagina Facebook spiega che fino al “2018 aveva versato al M5s 183 mila euro per i progetti” di quest’ultimo, ma che nella predetta causa, avendo subito a febbraio 2020 una condanna per diffamazione aggravata nei confronti dell’ex vice presidente vicario dell’Assemblea regionale siciliana Antonio Venturino (ed anche ex pentastellato), si era ritrovato a dovere pagare 1.500 euro di multa oltre le spese processuali più 15 mila euro di risarcimento per danni morali a seguito dei quali si è visto “bloccare somme per 44 mila euro su due conti”.

Voci di popolo dicono pure che Tancredi non avesse più colloquiali rapporti con la maggioranza del gruppo Cinque Stelle all’Ars poiché sarebbe stato il riferimento dei quattro deputati pentastellati adesso quasi ufficialmente staccatisi dal M5S.

Sempre voci di popolo ci dicono che ancora le sorprese non sarebbero concluse.

Nell’immagine di copertina un simbolo dei Cinque Stelle con qualche stellina in meno in Sicilia e di lato nella parte bassa della medesima, la foto dei quattro deputati che hanno contemporaneamente pubblicato il post di dissenso di cui sopra.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat