Quantcast

Banner Gori
Emergenza Covid-19: aggiornamento Sindaco Cimmino
Isole - politica

Covid-19. Antudo: “vogliamo ospedali, medici, infermieri e mascherine”

Emergenza Covid-19 a Messina. Per Antudo, Rete dei comitati per l’Indipendenza della Sicilia, occorre sollecitare l’autorità centrale, al fine di ottenere immediati e solidi investimenti per il nostro sistema sanitario, attualmente a dura prova.
Covid-19, Antudo: “vogliamo ospedali, medici, infermieri e mascherine. Non parole.”
Il conflitto tra Comune di Messina e Governo Nazionale sulle misure da adottare per contrastare l’epidemia da Coronavirus sul territorio del Comune di Messina rivela una totale sostituzione dello Stato nei confronti dell’autonomia locale sui temi della tutela della salute dei cittadini. Il Sindaco perde, cioè, il proprio carattere di massima autorità sanitaria locale. Il regime di emergenza si manifesta, dunque, come esautoramento del potere locale.

Di certo il linguaggio del Sindaco De Luca ha carattere “militare” (parla di coprifuoco), ma sarebbe ingenuo non considerare che il linguaggio utilizzato sui media e nei pronunciamenti istituzionali ha da settimane questo carattere su tutto il territorio nazionale. Ciò che, invece, conta davvero è che le misure prese dal Governo sono state determinate dal timore che il sistema sanitario possa non essere in grado di reggere una estensione dell’epidemia. In particolare, il timore, esplicitato in forme molto chiare, è che non ci sia a disposizione un numero sufficiente di posti di terapia intensiva per prendere in carico i casi di polmonite che sono il precipitato pericoloso dell’infezione da Covid-19.

Il tema che sollecita De Luca in merito è, però, che la capacità di cura del sistema sanitario nel nostro territorio è decisamente molto inferiore di quanto, invece, avviene nei territori che, al momento, sono al centro della diffusione del virus. Il numero di posti di terapia intensiva nel nostro territorio sono pochissimi. Ciò che è ancora più grave è che non si sa neanche quanto pochi siano (10? 20?). Le misure previste sul territorio nazionale sono, al momento, parametrate sulla tenuta delle aree più ricche e quindi più capaci di assorbire il numero di ammalati previsto. Potrebbero, però, non essere sufficienti a contenere la diffusione dell’epidemia in misure assorbibili nella nostra città. Insomma, tutti coloro che tanto si sono appassionati al conflitto di competenze, e soprattutto coloro che fanno parte dei partiti di Governo, farebbero meglio a fare pressione sull’autorità centrale affinché si faccia un immediato massiccio investimento che serva a rinforzare il sistema sanitario sul nostro territorio (nuovi ospedali e assunzioni di medici, infermieri e altre figure del personale sanitario). Se poi, magari, fossero capaci di far arrivare dispositivi minimi di difesa per la popolazione , come le mascherine – adesso giudicate utili, dopo che per settimane ci hanno raccontato che non servivano a nulla -, ne saremmo anche grati.

Mariella Musso

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mariella Musso

Mariella Musso

Ufficiale di gara presso Federazione Italiana Danza Sportiva - direttrice didattica, professoressa di musica, insegnante di danza e istruttrice di fitness presso Scuola di Danza Butterfly Giardini-Naxos (ME) -
Lauree AFAM Alta Formazione Artistica e Musicale in Didattica della Musica I livello e in Discipline Musicali II livello indirizzo tecnologico presso Conservatorio di musica "A. Corelli" di Messina - Diplomata Federazione Italiana Danza Sportiva - International Dance Association - Federazione Italiana Fitness - Liceo Linguistico Ferdinand De Saussure.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat