Quantcast

Isole - cronaca

Sicilia, raccolta differenziata, prima maxi multa su territorio italiano coinvolti 70 commercianti e 200 cittadini

Multati 200 cittadini e 70 commercianti per inosservanza delle norme sulla raccolta differenziata

Raccolta differenziata – Si registra una prima maxi multa ai danni di 200 cittadini e 70 commercianti per non aver rispettato le norme che vigilano sulla raccolta differenziata. Succede in un paesino della Sicilia, a Marsala. Dalla nota ufficiale si legge:

Intensificati i controlli sullo smaltimento differenziato dei rifiuti solidi urbani con pesanti sanzioni nei confronti dei trasgressori delle norme contenute nell’Ordinanza sindacale che regola la materia. In particolare, da luglio ad oggi, il lavoro coordinato dalla Comandante della Polizia Municipale, Michela Cupini, e che ha visto in azione, vigili urbani del nucleo ecologia, ispettori ambientali e personale di energetica ambiente, ha consentito di individuare – anche con le telecamere e lo spacchettamento – 70 esercenti di attività commerciali e di locali pubblici che smaltivano in modo inadeguato (mancato rispetto degli orari di conferimento o delle modalità). L’operazione di controllo ambientale del territorio, effettuata sia nel centro storico che in periferia e nei due litorali (nord e sud), ha anche consentito di individuare circa 200 cittadini che non attuavano la differenziata o che lo facevano in maniera irregolare. Per gli esercenti di attività commerciali la sanzione è stata di 400 euro; mentre per i cittadini trasgressori di 200 euro.
“Stiamo facendo tutti gli sforzi possibili per tenere pulita la Città – sottolinea il Sindaco Alberto Di Girolamo. Il nostro lavoro rischia però di essere vanificato per due ordini di motivi. Il primo è che la Regione ci ha limitato nel conferimento alla discarica di Borranea dell’indifferenziata (sole 35 tonnellate a fronte delle 50/55 prodotte giornalmente in questa stagione). Ad onor del vero, dobbiamo però rilevare che da due settimane e fino a metà settembre, siamo stati autorizzati a poterne smaltire altre 15 nella discarica di Bellolampo. L’altro problema è il comportamento scorretto di alcuni esercenti di attività commerciali e di diversi cittadini che non rispettano le norme di conferimento. Abbiamo aumentato i controlli con l’ausilio di nuove telecamere e con l’impiego di ulteriore personale. Ma non ci fermeremo; ne va del futuro della città. Per questo oltre a continuare l’azione di controllo ambientale stiamo cercando altre soluzioni per contrastare i trasgressori”.E’ al vaglio degli uffici competenti la possibilità di sospendere la concessione di suolo pubblico nei confronti degli esercenti che non hanno rispettato le regole di smaltimento differenziato dei rifiuti. Il provvedimento dovrebbe divenire operativo già a partire dalla prossima settimana. I gestori e/o i proprietari di esercizi pubblici, dunque, in caso di inosservanza sul corretto smaltimento rischiano oltre alla sanzione pecuniaria anche quella amministrativa accessoria del blocco temporaneo del suolo pubblico.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania