Quantcast

Banner Gori
Isole - cronaca

Paterno (CT) per uno sguardo ad una ragazza viene investito e pestato

A Paterno in provincia di Catania, un 21enne per avere guardato la ragazza di un 26enne e stato da questo investito e pestato dai parenti.

Per uno sguardo di troppo rivolto ad una ragazza, è stato investito con l’auto e picchiato dal fidanzato. Vittima dell’aggressione, avvenuta nella serata dello scorso 29 gennaio a Paternò (Catania) è un 21enne che si trovava in compagnia di alcuni amici.

I carabinieri del Nucleo operativo, su ordine del Gip di Catania, hanno arrestato quattro persone: Venero Giovannino Nicolosi, di anni 26, Riccardo Concetto Nicolosi, 51 anni, Michelangelo Nicolosi, 25, e Paolo Antonino Di Mauro, 31anni, per tentato omicidio aggravato commesso in concorso.

La vicenda risale alla sera del 29 gennaio scorso, quando Venero Giovannino Nicolosi, a bordo di un’autovettura, ha travolto volontariamente un giovane di 21 anni nella piazzetta delle Fontane di Paternò. Quellla stessa sera sono scattate le indagini dei carabinieri che hanno così scoperto che si è trattato di un vero e proprio raid punitivo nei confronti del giovane di 21 anni travolto dall’auto.

E’ stata appurato che la spedizione punitiva è scaturito da una banale lite avvenuta qualche ora prima nel parcheggio di un distributore di benzina e proseguita poi su Facebook, tramite l’applicazione Messanger, lite causata dal fatto che il ventunenne avrebbe guardato la fidanzata di Venero Giovannino Nicolosi.

Subito dopo la prima lite, il Nicolosi aveva contattato i suoi familiari per organizzare l’agguato: i quattro soggetti si sarebbero quindi recati  a bordo di due autovetture diverse, in piazza delle Fontane, dove prima (intorno alle 22.30)  il 21enne veniva travolto da un’autovettura Alfa Romeo 147 condotta Venero Giovannino Nicolosi e poi veniva aggredito dai familiari di quest’ultimo (il padre, il fratello ed il cognato) giunti in piazza a bordo di una Fiat Idea, che hanno preso a calci e pugni anche gli amici del ragazzo, nel frattempo rimasto a terra privo di sensi.

Dopo pochi istanti i famigliari di Venero Nicolosi risalivano a bordo della Fiat Idea e si davano alla fuga, mentre il fidanzato geloso (sceso dall’autovettura per aiutare i familiari) raggiungeva nuovamente l’Alfa 147 per darsi anch’egli alla fuga in direzione diversa.

Nei giorni seguenti, gli autori del tentato omicidio, nel tentativo di depistare le indagini, hanno pure venduto l’Alfa Romeo 147 utilizzata per travolgere il ragazzo e sulla quale evidentemente erano rimasti i segni. Il veicolo, tuttavia, veniva intercettato dai carabinieri – anche grazie alle telecamere di videosorveglianza della zona che hanno ripreso tutto – e sottoposto a sequestro.

Gli autori del tentato omicidio sono stati arrestati e rinchiusi nel carcere di piazza Lanza, mentre la giovane vittima, miracolosamente fuori pericolo di vita, è tuttora ricoverata all’ospedale “Garibaldi Centro” di Catania.

Adduso Sebastiano

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania