Quantcast
Banner Gori
3 minori indagati per i fatti di piazza Attias (LI)
(foto d'archivio)
Cronaca Toscana

3 minori indagati per i fatti di piazza Attias (LI) del 20 u.s.

3 minori indagati per “resistenza a pubblico ufficiale”, “danneggiamento”, “lesioni personali” aggravate e “rifiuto di fornire le proprie generalità”

3 minori indagati per i fatti di piazza Attias (LI) del 20 u.s.

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri della Compagnia e del Nucleo Investigativo di Livorno hanno dato esecuzione ad un Decreto di perquisizione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze nei confronti di tre infradiciassetteni indagati per i reati di “resistenza a pubblico ufficiale”, “danneggiamento”, “lesioni personali” aggravate e “rifiuto di fornire le proprie generalità” in concorso continuato.

Il provvedimento, a firma del Procuratore, dott. Antonio Sangermano, che sta coordinando le indagini, è stato emesso a seguito degli esiti delle immediate investigazioni sviluppate dai Carabinieri del Comando Provinciale dopo l’aggressione subita da parte di personale dell’Arma e della Polizia Municipale di Livorno la sera dello scorso 20 ottobre a piazza Attias.

Le indagini hanno consentito di accertare che, oltre al 17enne identificato nell’immediatezza dei fatti, altri due, coadiuvati da un folto gruppo di giovani, in corso di identificazione, aggredivano il personale delle Forze dell’Ordine giunto in quella piazza su richiesta di alcuni cittadini che segnalavano assembramenti di ragazzi incuranti del rispetto della distanza interpersonale e che non indossavano alcuna protezione delle vie respiratorie.

I tre, oltre ad opporre resistenza ai Carabinieri ed agli agenti della Polizia Municipale, si rifiutavano di fornire le proprie generalità e danneggiavano le autovetture di servizio, lanciando al loro indirizzo oggetti contundenti. Nelle circostanze, i due agenti della Polizia Municipale riportarono lesioni personali giudicate guaribili rispettivamente in 20 e 10 giorni.

Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato materiale che gli investigatori hanno giudicato di grande interesse per il prosieguo dell’indagine.

Cristina Adriana Botis

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Cristina Adriana Botis

Cristina Adriana Botis

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più