Falle Nei Sistemi D'Irrigazione Sul Reddito Di Cittadinanza
Falle Nei Sistemi D'Irrigazione Sul Reddito Di Cittadinanza

Falle Nei Sistemi D’Irrigazione Sul Reddito Di Cittadinanza

Quando si elargiscono soldi pubblici, i controlli da parte degli Uffici competenti dovrebbero essere certosini, quelli sul Reddito di Cittadinanza, hanno presentato “nel corso dei lavori, grosse falle nei sistemi d’irrigazione”.

Se per tante famiglie il reddito di cittadinanza continua a rappresentare l’unico sostegno per sopravvivere, per altri soggetti e complementi oggetto, è solo un’entrata illecita e complementare.

Dal momento in cui in Italia è stato varato il Reddito di Cittadinanza (780 euro) in “busta paga”, milioni di persone ne hanno fatto richiesta, fra queste, alcune migliaia, pur non avendone alcun diritto, sono riuscite ad ottenerlo.

Guardie e Ladri :

Se si pensa alle tante persone sia civili che militari che vengono quotidianamente impiegate per stanare i furbacchioni, si sarebbero potute impiegare per altri scopi; bastava che fossero state fatte alla “fonte” le dovute verifiche…. nei tempi e nei modi giusti.

Chi è abituato a delinquere, questo piccolo peccato di “gola”, non intaccherà la propria caratura delinquenziale, ne tantomeno il curriculum vitae.

Per andare a fare una “villeggiatura” nelle patrie galere ci vogliono reati più gravi, non certo per aver lucrato sul Reddito di Cittadinanza. Qualche giorno ai domiciliari e poi si ritorna a delinquere.

I tanti soldi che sono stati dati come pioggia battente, sono giunti nelle condotte sbagliate, tanto per fare un esempio, li hanno avuti delinquenti ai domiciliari, carcerati, soggetti in attesa di giudizio, mafiosi, imprenditori benestanti.

Come maccheroni sul cacio e torta sulle candeline, lo hanno ottenuto anche proprietari di ville, terreni e auto da corsa, mancano solo i milionari, poi questo quadretto di Rembrandt potrebbe essere finito.

Non vi è dubbio che a quasi 2 anni dal varo della Legge, i controlli, sono stati all’acqua di rosa, come si usa dire in dialetto siciliano, lo hanno avuto “cani, porci e iatti mammuni”.

Cronaca :

Ad un catanese nella giornata di ieri sono state sequestrate 12 carte di pagamento elettroniche rilasciate da Poste Italiane per la fruizione del RdC.

“Fortunatamente” non appartenevano alla stessa persona, se cosi’ fosse stato saremmo stati spettatori di 2 nuovi miracoli, quello della “moltiplicazione delle carte” e della loro “lievitazione naturale”.

La Storia insegna :

A “tavula cunzata” (a tavola imbandita), sono sempre gli sciacalli quelli che occupano i primi posti.

Mauro Lo Piano / Redazione Sicilia

Ascolta la WebRadio