terza pagina

14esima Anteprima Amarone – Palazzo della Gran Guardia – Verona

14esima Anteprima Amarone - Palazzo della Gran Guardia - Verona

”Un assaggio di storia ed eleganza”: 14esima Anteprima Amarone 2013 – Palazzo della Gran Guardia – Verona: DAL 28 AL 30 GENNAIO

Verona – Conto alla rovescia per l’Anteprima Amarone, dal 28 al 30 gennaio al Palazzo della Gran Guardia a Verona. L’evento, organizzato dal Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella, presenta l’annata del Grande Rosso veronese appena entrata in commercio. Si tratta del millesimo 2013 che la commissione del Consorzio, riunita poche settimane fa per tracciarne il profilo e il valore, ha definito di qualità medio-alta.

Accanto alla 2013 le cantine partecipanti, che sono 78 per oltre 150 etichette da degustare, presenteranno anche alcune annate precedenti: un’opportunità per godere di vini che l’affinamento ha reso ancor più interessanti.

Diverse le novità di quest’anno, a partire dal debutto del calice “istituzionale” in cui sarà versato il prezioso Amarone. Una commissione di esperti, infatti, ha selezionato un modello della VDglass che ne esalta l’espressione.

Altre novità riguardano la giornata inaugurale dedicata esclusivamente alla stampa.

Sabato 28 gennaio è in programma un talk show in cui il critico d’arte Philippe Daverio e il giornalista e scrittore appassionato di vino Andrea Scanzi dialogheranno sul parallelo, forse un poco spericolato e probabilmente divertente, tra le opere d’arte, icone di stile senza tempo la cui fruizione crea anche un indotto economico, e l’Amarone. Il Grande Rosso della Valpolicella, infatti, nell’immaginario collettivo è già un’icona di stile enologico, viste le sue peculiarità legate all’originalità dei vitigni autoctoni da cui si ottiene, al metodo e al territorio di produzione. Un territorio che, a giudicare dai numeri, interessa sempre più i turisti che ricercano la qualità del vino nel paesaggio e nell’attenzione all’ambiente, che in Valpolicella sono tutelati grazie alla certificazione “Riduci Risparmia Rispetta” del Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella.

Diversamente dal solito, gli approfondimenti sulla denominazione – come la ricerca dell’Osservatorio Vini Valpolicella a cura di Wine Monitor di Nomisma sull’Amarone nel mercato Usa, i dati sui flussi turistici in Valpolicella, l’aggiornamento sul protocollo “Riduci Risparmia Rispetta” e gli stessi dettagli relativi all’annata – non saranno presentati diffusamente, ma dettagliati nella cartella stampa, ferma restando la disponibilità, per chi lo volesse, di approfondire i diversi argomenti con i responsabili del Consorzio e con gli esperti, quali Denis Pantini di Nomisma, Diego Tomasi del Crea Viticoltura ed Enologia di Conegliano e Renzo Caobelli consulente agronomico del Consorzio Valpolicella. Una scelta questa che punta a non sottrarre tempo alle degustazioni e al contatto con i produttori. La degustazione nelle sale riservate alla sola stampa con servizio sommelier sarà disponibile, infatti, dall’apertura alle 9,30 fino alle 17.

Domenica 29 gennaio l’Anteprima Amarone accoglierà, dalle 10 alle 19, i wine lover che già numerosi stanno acquistando l’ingresso on line (su faberest.com: info su www.anteprimaamarone.it; i biglietti saranno anche acquistabili direttamente in Gran Guardia a 30 euro). Gli appassionati potranno deliziarsi accompagnando l’Amarone, protagonista della manifestazione, con gli assaggi gastronomici proposti dal Ristorante Nicolis e le creazioni della Pasticceria Perbellini.

Per la prima volta nella storia dell’Anteprima Amarone, ci sarà una terza giornata – lunedì 30 gennaio dalle 10 alle 17 – interamente dedicata ai professionisti di settore, che potranno così con calma degustare i vini e parlare d’affari con i produttori.

CLASSICO E VERSATILE PERCHÉ PERFETTO SIA PER LE CENE CON PARENTI E AMICI, SIA PER FESTEGGIARE LE OCCASIONI IMPORTANTI: QUESTE LE RAGIONI CHE SPINGONO I CONSUMATORI STATUNITENSI A SCEGLIERE L’AMARONE DELLA VALPOLICELLA

Verona – L’Amarone della Valpolicella negli Stati Uniti? I consumatori americani lo scelgono perché è italiano, è “classico” e versatile, tanto da essere perfetto sia per le cene con parenti e amici, sia per festeggiare le occasioni importanti anche tra le mura domestiche. Queste le ragioni dell’appeal dell’Amarone che emergono dall’indagine 2016 dell’Osservatorio Vini Valpolicella commissionata dal Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella a Wine Monitor di Nomisma che mappa il modello di consumo di vino in USA, con particolare riferimento ai rossi italiani e alle denominazioni della Valpolicella sulla base di un campione di 750 consumatori di vino rosso, tra i 21 e i 65 anni, residenti in California, New York, Texas, Washington, Stati in cui il vino rappresenta una realtà rilevante, per consumo pro capite o per le dinamiche d’importazione di vino imbottigliato.

“L’indagine evidenzia una percezione assolutamente positiva dei nostri vini presso i consumatori di vino rosso statunitensi – sottolinea Christian Marchesini, presidente del Consorzio. Un dato molto importante e beneaugurante in un mercato che oggi rappresenta la destinazione di oltre il 10% della produzione di Amarone. Se ben il 25% del campione associa le caratteristiche distintive di questo vino alla ‘Qualità’ e un ulteriore 14% allo ‘Stile italiano’, ci sono margini per aumentare le performance del nostro vino di punta. E va bene anche per gli altri vini della Valpolicella nel loro complesso, per i quali i descrittori più citati sono ‘tradizione’, ‘qualità’ e “classico’”.

“Gli USA – osserva Olga Bussinello, direttore del Consorzio – sono la principale destinazione dei vini italiani per una quota di mercato del 26% in valore. Un mercato su cui la competizione degli altri Paesi è molto agguerrita. Se allarghiamo lo sguardo all’export su tutti i mercati, l’Italia si posiziona al secondo posto dopo la Francia, in valore e volume, grazie al ‘peso’ del Veneto che da solo ricopre il quarto posto in valore. Un valore a cui molto contribuiscono i vini della Valpolicella, anche negli Stati Uniti. Se il 10% della produzione di Amarone raggiunge gli Usa, le percentuali salgono al 14% per il Valpolicella e al 21% per il Ripasso”.

La notorietà spontanea (cioè senza la proposta di una lista di risposte) dei vini della Valpolicella negli Stati Uniti risulta significativa: il 3% dei red wine consumer cita spontaneamente l’Amarone come primo vino rosso italiano a cui pensa e un ulteriore 2% cita la denominazione Valpolicella. Se poi si restringe il campo a coloro che consumano vino rosso italiano, si sale al 4% per l’Amarone e al 2,4% per la doc Valpolicella. Se posto di fronte a un elenco di vini rossi italiani, l’11% degli americani riconosce e dichiara di aver consumato almeno una volta nell’ultimo anno il Valpolicella.

Ben il 10% ha bevuto Amarone negli ultimi 12 mesi, mentre il tasso di penetrazione del Ripasso e del Recioto è leggermente inferiore: rispettivamente 9% e 6%. Complessivamente, il 17% dei consumatori americani ha bevuto almeno una volta i vini della Valpolicella.

Per il consumo di Amarone l’occasione speciale è la più comune anche nelle situazioni di consumo domestico (41%); gli altri vini della Valpolicella, invece, vengono bevuti soprattutto durante i pasti (41%). Chi consuma il Grande Rosso della Valpolicella lo fa soprattutto fuori casa – il 44% lo ordina spesso al ristorante e l’11% in enoteche e wine bar – e in occasioni speciali come compleanni o anniversari (il 31% di chi consuma fuori casa). L’occasione più segnalata? Quella della cena “romantica” (26% di chi consuma fuori casa), a cui seguono, quasi a pari merito, le occasioni  speciali e le cene di divertimento tra amici (25% e 23%). Il consumo fuori casa in ristoranti (47%) e altri locali (7%) è prevalente anche per gli altri vini della Valpolicella.

Tra le nuove tendenze indicate dai consumatori statunitensi spiccano la propensione verso i vini “naturali”, con il 40% delle citazioni, verso quelli biologici (25%) e verso i vini provenienti da vitigni autoctoni (24%).

Sempre secondo l’indagine svolta da Wine Monitor, la propensione all’acquisto dell’Amarone negli USA è, ovviamente per il posizionamento di prezzo, più elevata tra i consumatori con reddito medio-alto, rispetto a quelli con redditi medio-bassi (15% vs 2%). Bevono più Amarone gli uomini (tasso di penetrazione del 13% contro il 6% delle donne) e coloro che hanno un elevato titolo di studio (16% contro il 3% di chi ha livelli di scolarizzazione più bassi). Anche l’età conta: nella fascia dai 23 ai 35 anni il tasso di penetrazione sale al 16% (contro il 2% degli over 56).

Quanto al territorio, la propensione al consumo è più alta nello lo Stato di New York.

“Non è certo una sorpresa per noi che – racconta Olga Bussinello, direttore del Consorzio – stiamo lavorando da anni con eventi e degustazioni mirate agli influencer newyorkesi, consapevoli che la città di New York, in cui si concentra quasi la metà della popolazione di tutto lo Stato, è il centro culturale più attivo e vivace degli Stati Uniti, dove si generano le tendenze”.

Come già rilevato dall’indagine svolta l’anno scorso sul Canada, il tasso di penetrazione dell’Amarone cresce fino al 24% tra gli americani che sono stati in Italia nell’ultimo anno e al 13% tra coloro che hanno familiari di origini italiane, a riprova dell’importanza che hanno le esperienze di viaggio nei luoghi di produzione e le radici.

Anteprima Amarone 2013 è organizzata dal Consorzio di Tutela Vini Valpolicella con la partecipazione di 78 aziende che presentano l’annata 2013 e una selezione di annate storiche.

L’evento, in collaborazione con AGSM, ATV, Banco Popolare, Faberest, Grafiche Valpolicella, Idea Grandimpianti, Stipa Spa, VDglass, Volkswagen Group Italia Spa si svolgerà al Palazzo della Gran Guardia dal 28 al 30 gennaio 2017 (sabato 28: ore 9,30-17 riservato alla stampa; domenica 29:ore 10-19 aperto al pubblico e lunedì 30: ore 10-17 riservato agli operatori).

Le informazioni per il pubblico su:

www.anteprimaamarone.it e Facebook.

A questo link l’elenco completo delle cantine partecipanti.

Il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella, nato nel 1924 è una realtà associativa comprendente viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori della zona di produzione dei vini della Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona.

Grazie alla rappresentanza di oltre l’80% dei produttori che utilizzano la denominazione «Valpolicella», il Consorzio realizza iniziative che valorizzano l’intero territorio: il vino e la sua terra d’origine, intendendo con questa anche la storia, le tradizioni e le peculiarità che la rendono unica al mondo. Il Consorzio annovera importanti ruoli istituzionali: si occupa della promozione, valorizzazione, informazione dei vini e del territorio della Valpolicella, della tutela del marchio e della viticoltura nella zona di produzione dei vini Valpolicella, della vigilanza, salvaguardia e difesa della denominazione.

 

29 gennaio 2017 – evento aperto al pubblico – dalle 10:00 alle 19:00
Biglietto di ingresso: 30 euro

(*25 euro con acquisto online)

COSA COMPRENDE IL BIGLIETTO?

Degustazione libera presso i banchi d’assaggio delle aziende di:
– annata 2013 in anteprima
– selezione curata dall’azienda

Assaggio di prodotti gastronomici nell’area riservata

I biglietti sono disponibili online (fino alle 23.00 di giovedì 26) e in loco durante i giorni dell’evento – secondo disponibilità
ASSICURATI LA PARTECIPAZIONE
E SALTA LA FILA ALL’INGRESSO

COMPRA IL BIGLIETTO ONLINE Cliccando su “compra biglietto online” verrai indirizzato su Faberest.com
Faberest è sponsor tecnico e piattaforma per vendita biglietti onlinefaberest logo

COMPRARE IL BIGLIETTO È SEMPLICISSIMO

  • CLICCA SU “COMPRA IL BIGLIETTO ONLINE”
  • VERRAI INDIRIZZATO SU “FABEREST.COM”
  • SCEGLI CHE GIORNO PARTECIPARE
  • INSERISCI I TUOI DATI
  • EFFETTUA IL PAGAMENTO
  • RICEVERAI IL BIGLIETTO VIA EMAIL

NOTA

IL GIORNO DELL’EVENTO PRESENTATI ALLA BIGLIETTERIA DI INGRESSO PER RITIRARE IL BICCHIERE DI DEGUSTAZIONE ED IL MATERIALE INFORMATIVO ITALIANO

CLASSICO E VERSATILE PERCHÉ PERFETTO SIA PER LE CENE CON PARENTI E AMICI, SIA PER FESTEGGIARE LE OCCASIONI IMPORTANTI: QUESTE LE RAGIONI CHE SPINGONO I CONSUMATORI STATUNITENSI A SCEGLIERE L’AMARONE DELLA VALPOLICELLA, DAL 28 AL 30 GENNAIO PROTAGONISTA DELL’ANTEPRIMA DELL’ANNATA 2013 AL PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA (VERONA)

Verona, 18 gennaio 2017 – L’Amarone della Valpolicella negli Stati Uniti? I consumatori americani lo scelgono perché è italiano, è “classico” e versatile, tanto da essere perfetto sia per le cene con parenti e amici, sia per festeggiare le occasioni importanti anche tra le mura domestiche. Queste le ragioni dell’appeal dell’Amarone che emergono dall’indagine 2016 dell’Osservatorio Vini Valpolicella commissionata dal Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella a Wine Monitor di Nomisma che mappa il modello di consumo di vino in USA, con particolare riferimento ai rossi italiani e alle denominazioni della Valpolicella sulla base di un campione di 750 consumatori di vino rosso, tra i 21 e i 65 anni, residenti in California, New York, Texas, Washington, Stati in cui il vino rappresenta una realtà rilevante, per consumo pro capite o per le dinamiche d’importazione di vino imbottigliato.

“L’indagine evidenzia una percezione assolutamente positiva dei nostri vini presso i consumatori di vino rosso statunitensi – sottolinea Christian Marchesini, presidente del Consorzio. Un dato molto importante e beneaugurante in un mercato che oggi rappresenta la destinazione di oltre il 10% della produzione di Amarone. Se ben il 25% del campione associa le caratteristiche distintive di questo vino alla ‘Qualità’ e un ulteriore 14% allo ‘Stile italiano’, ci sono margini per aumentare le performance del nostro vino di punta. E va bene anche per gli altri vini della Valpolicella nel loro complesso, per i quali i descrittori più citati sono ‘tradizione’, ‘qualità’ e “classico’”.

“Gli USA – osserva Olga Bussinello, direttore del Consorzio – sono la principale destinazione dei vini italiani per una quota di mercato del 26% in valore. Un mercato su cui la competizione degli altri Paesi è molto agguerrita. Se allarghiamo lo sguardo all’export su tutti i mercati, l’Italia si posiziona al secondo posto dopo la Francia, in valore e volume, grazie al ‘peso’ del Veneto che da solo ricopre il quarto posto in valore. Un valore a cui molto contribuiscono i vini della Valpolicella, anche negli Stati Uniti. Se il 10% della produzione di Amarone raggiunge gli Usa, le percentuali salgono al 14% per il Valpolicella e al 21% per il Ripasso”.

La notorietà spontanea (cioè senza la proposta di una lista di risposte) dei vini della Valpolicella negli Stati Uniti risulta significativa: il 3% dei red wine consumer cita spontaneamente l’Amarone come primo vino rosso italiano a cui pensa e un ulteriore 2% cita la denominazione Valpolicella. Se poi si restringe il campo a coloro che consumano vino rosso italiano, si sale al 4% per l’Amarone e al 2,4% per la doc Valpolicella. Se posto di fronte a un elenco di vini rossi italiani, l’11% degli americani riconosce e dichiara di aver consumato almeno una volta nell’ultimo anno il Valpolicella.

Ben il 10% ha bevuto Amarone negli ultimi 12 mesi, mentre il tasso di penetrazione del Ripasso e del Recioto è leggermente inferiore: rispettivamente 9% e 6%. Complessivamente, il 17% dei consumatori americani ha bevuto almeno una volta i vini della Valpolicella.

Per il consumo di Amarone l’occasione speciale è la più comune anche nelle situazioni di consumo domestico (41%); gli altri vini della Valpolicella, invece, vengono bevuti soprattutto durante i pasti (41%). Chi consuma il Grande Rosso della Valpolicella lo fa soprattutto fuori casa – il 44% lo ordina spesso al ristorante e l’11% in enoteche e wine bar – e in occasioni speciali come compleanni o anniversari (il 31% di chi consuma fuori casa). L’occasione più segnalata? Quella della cena “romantica” (26% di chi consuma fuori casa), a cui seguono, quasi a pari merito, le occasioni  speciali e le cene di divertimento tra amici (25% e 23%). Il consumo fuori casa in ristoranti (47%) e altri locali (7%) è prevalente anche per gli altri vini della Valpolicella.

Tra le nuove tendenze indicate dai consumatori statunitensi spiccano la propensione verso i vini “naturali”, con il 40% delle citazioni, verso quelli biologici (25%) e verso i vini provenienti da vitigni autoctoni (24%).

Sempre secondo l’indagine svolta da Wine Monitor, la propensione all’acquisto dell’Amarone negli USA è, ovviamente per il posizionamento di prezzo, più elevata tra i consumatori con reddito medio-alto, rispetto a quelli con redditi medio-bassi (15% vs 2%). Bevono più Amarone gli uomini (tasso di penetrazione del 13% contro il 6% delle donne) e coloro che hanno un elevato titolo di studio (16% contro il 3% di chi ha livelli di scolarizzazione più bassi). Anche l’età conta: nella fascia dai 23 ai 35 anni il tasso di penetrazione sale al 16% (contro il 2% degli over 56).

Quanto al territorio, la propensione al consumo è più alta nello lo Stato di New York.

“Non è certo una sorpresa per noi che – racconta Olga Bussinello, direttore del Consorzio – stiamo lavorando da anni con eventi e degustazioni mirate agli influencer newyorkesi, consapevoli che la città di New York, in cui si concentra quasi la metà della popolazione di tutto lo Stato, è il centro culturale più attivo e vivace degli Stati Uniti, dove si generano le tendenze”.

Come già rilevato dall’indagine svolta l’anno scorso sul Canada, il tasso di penetrazione dell’Amarone cresce fino al 24% tra gli americani che sono stati in Italia nell’ultimo anno e al 13% tra coloro che hanno familiari di origini italiane, a riprova dell’importanza che hanno le esperienze di viaggio nei luoghi di produzione e le radici.

Anteprima Amarone 2013 è organizzata dal Consorzio di Tutela Vini Valpolicella con la partecipazione di 78 aziende che presentano l’annata 2013 e una selezione di annate storiche.

L’evento, in collaborazione con AGSM, ATV, Banco Popolare, Faberest, Grafiche Valpolicella, Idea Grandimpianti, Stipa Spa, VDglass, Volkswagen Group Italia Spa si svolgerà al Palazzo della Gran Guardia dal 28 al 30 gennaio 2017 (sabato 28: ore 9,30-17 riservato alla stampa; domenica 29:ore 10-19 aperto al pubblico e lunedì 30: ore 10-17 riservato agli operatori).

Le informazioni per il pubblico su:

www.anteprimaamarone.it e Facebook.

A questo link l’elenco completo delle cantine partecipanti.

Il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella, nato nel 1924 è una realtà associativa

comprendente viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori della zona di produzione dei vini della

Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona.

Grazie alla rappresentanza di oltre l’80% dei produttori che utilizzano la denominazione

«Valpolicella», il Consorzio realizza iniziative che valorizzano l’intero territorio: il vino e la sua terra

d’origine, intendendo con questa anche la storia, le tradizioni e le peculiarità che la rendono unica

al mondo. Il Consorzio annovera importanti ruoli istituzionali: si occupa della promozione,

valorizzazione, informazione dei vini e del territorio della Valpolicella, della tutela del marchio e

della viticoltura nella zona di produzione dei vini Valpolicella, della vigilanza, salvaguardia e difesa

della denominazione.

DA ns Archivio:

NORD – TERZA PAGINASPETTACOLI

Palazzo della Gran Guardia, Verona : Anteprima AMARONE 2012 (Francesco Cecoro)

Il Palazzo della Gran Guardia a Verona ha ospitato la tredicesima edizione  di Anteprima AMARONE  2012. Tra  sabato 30 e Domenica 31 Gennaio  i visitatori…

NORD – TERZA PAGINA

AMARONE DELLA VALPOLICELLA: PIÙ ANTIOSSIDANTI NEL BICCHIERE GRAZIE A TRADIZIONE PRODUTTIVA E VITIGNI AUTOCTONI.

Un bicchiere di Amarone della Valpolicella, grazie all’elevata presenza di antiossidanti naturali, riduce il rischio di malattie cardiovascolari…

NORD – TERZA PAGINA

IL VIGNETO DELL’AMARONE E LA SUA TRADIZIONE. FRA I VALORI STORICO RURALI MONDIALI DA CONSERVARE.

Verona, 18 gennaio 2016. I vigneti dell’Amarone e la loro storia saranno protagonisti nel 2016 del terzo incontro mondiale dell’ International…

NORD – TERZA PAGINA

ANTEPRIMA AMARONE 2012: UN’EDIZIONE 2.0 – SABATO 30 E DOMENICA 31 GENNAIO 2016 AL PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA DI VERONA

Sarà una versione 2.0, la tredicesima edizione di Anteprima Amarone in programma al Palazzo della Gran Guardia di Verona il 30 e 31 gennaio…

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale