Quantcast

Politica

Stop a fondi per le periferie: anche i sindaci M5S e Lega contro il provvedimento

Stop a fondi per le periferie: anche i sindaci M5S e Lega contro il provvedimento

Anche i sindaci di Lega e M5S in polemica con il Governo a causa emendamento al decreto Milleproroghe che blocca, almeno per ora, i progetti di riqualificazione urbana di un centinaio di comuni, “differendo al 2020 l’efficacia delle convenzioni” stipulate.
Filippo Nogarin, il sindaco cinquestelle di Livorno, comune dove in ballo ci sono 18 milioni di euro, denuncia al Corriere il “correttivo peggiore della toppa” e invita a trovare subito una soluzione mentre dal Veneto si alzano le voci preoccupate dei sindaci della Lega: “Sono già partiti i lavori e, per alcune opere, abbiamo anche incassato il 20 per cento. Il problema riguarda tutti” afferma il vicentino Francesco Rucco.

Le opposizioni, sebbene l’emendamento sia passato in prima lettura con voto unanime, vanno all’attacco. “Il governo fa il gioco delle tre carte ma deve tornare sui suoi passi e confermare i fondi per i quartieri popolari” afferma il segretario nazionale del Pd Maurizio Martina. “Con una scelta scellerata il governo ha deciso di sospendere 1,6 miliardi previsti nel bando per le periferie. Il Sud, e la Sicilia in particolare, subiranno le conseguenze di questi tagli irresponsabili. Ma a settembre, sul decreto Milleproroghe, daremo battaglia per sanare questo vulnus” annuncia la deputata siciliana di Forza Italia Stefania Prestigiacomo.

La protesta dei sindaci:
“Valuteremo ogni iniziativa utile al fine di evitare che le risorse previste dal bando periferie vengano sottratte ai comuni siciliani” promette il presidente dell’Associazione dei Comuni siciliani Leoluca Orlando.
A Trento come a Palermo: “Al governo, che sta già predisponendo la manovra finanziaria, servivano 2 miliardi di euro. E hanno pensato di congelare questi che erano stati previsti per il bando per le periferie” dichiara il sindaco trentino Alessandro Andreatta all’Adige.
Bacchettando anche il Pd che, al Senato, non si è opposto. “Gorizia penalizzata per 18 milioni” tuona il Pd del Friuli Venezia Giulia, mentre il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, torna ad attaccare: “È una scelta indifendibile. L’ha detto il presidente dell’Anci, questo è un furto con destrezza, penso che l’Anci debba fare ricorso. Hanno fatto una cosa che riteniamo illegittima“.
Concorda il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà: “Oggi assistiamo ad un vero e proprio furto con destrezza di chi si presenta come governo del cambiamento, ma per le città è in peggio. C’è stata una grande mobilitazione nell’Anci che conferma come non ci sia una connotazione partitica”. In ballo, nell’area metropolitana di Reggio Calabria, ci sono 58 milioni di euro.
Il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, scrive una lettera al premier Giuseppe Conte: l’emendamento approvato al Senato, spiega, toglie al Comune 13,1 milioni di euro destinati a opere “determinanti per l’immagine di Matera Capitale europea della Cultura 2019”.
Incredulo il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris:”Non voglio credere che questa sia l’interpretazione corretta del provvedimento – ha auspicato il sindaco – e per questo credo che il Governo debba subito intervenire e chiarire la sua posizione”. Tra i progetti a rischio c’è anche Restart Scampia, programma con cui si punta a cambiare il volto dell’area nord di Napoli .

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania