Quantcast

Salvini e Di Maio
Politica

Scontro tra M5S e la Lega sulle grandi opere: Lezzi all’attacco su Tap

Scontro tra M5S e la Lega sulle grandi opere: Lezzi all’attacco su Tap

In questi mesi il governo dovrà trovare una soluzione sulla questione Grandi Opere che, da giorni, infuria tra gli alleati M5S e Lega. Ad accendere lo scontro è il ministro per il Sud Barbara Lezzi, da sempre fautrice dello stop al gasdotto Tap. “Al Sud servono altre infrastrutture”, è l’affondo che il ministro pentastellato, via facebook, indirizza al vicepremier Matteo Salvini che, ieri, dal palco di Cervia, indicava invece i vantaggi del gasdotto, in primis il taglio del 10% ai costi dell’energia. Il botta e risposta tra Salvini e Lezzi è solo l’ultima puntata di uno scontro che, come un fiume carsico, emerge ciclicamente all’interno del governo.

Troppo diverse le visioni tra Lega e M5S sulle Grandi Opere, con i nodi della Tav e del Tap che, al Movimento, rischiano di costare caro anche in termini elettorali come ieri sottolineava Alessandro Di Battista. Il “movimentismo” Cinque Stelle ha infatti sempre individuato nella Torino-Lione e nel gasdotto che dovrebbe approdare in Salento due “nemici” da bloccare ad ogni costo. “Strade sicure, ferrovie, scuole, ricerca, università, bonifiche, anti-dissesto idrogeologico, energia pulita. Questi sono gli investimenti che L’Italia aspetta”, è il ragionamento che Lezzi affida a facebook interpretando il “sentiment” di una buona parte degli elettori del M5S. Eppure, al di là della difficile conciliazione tra M5S e Lega, il governo deve tenere in conto le non meno importanti conseguenze finanziarie e giuridiche in caso di stop. Anche per questo ciascun ministero ha avviato un’analisi costi-benefici delle Grandi Opere da completare, dalla Tav alla Pedemontana, dal Tap al Terzo Valico. Su queste ultime tre “i benefici sono superiori ai costi”, è la convinzione di Salvini che, sulla Tav, si mantiene invece prudente dando tuttavia un avvertimento al M5S: “se non farla costasse due, tre o quattro miliardi, è chiaro che andrebbe fatta”.

In serata torna ad intervenire Salvini: “Le infrastrutture servono, servono strade più belle e ferrovie nuove, io voglio andare avanti”, ha detto dal palco della festa della Lega Nord Piemonte a Capriata d’Orba, nell’alessandrino. “I Cinque Stelle sono gente affidabile, concreta, con voglia di fare bene le cose, ma su qualche cosa – ha aggiunto – dobbiamo metterci d’accordo…”. (ANSA)

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania