Quantcast

Politica

Mattarella firma il Decreto Genova, intesa sul Commissario: ecco di chi si tratterebbe

Mattarella firma il Decreto Genova, intesa sul Commissario: ecco di chi si tratterebbe

Sebbene il suo nome non sia ancora ufficiale, sul commissario straordinario alla ricostruzione di ponte Morandi a Genova ci sarebbe l’intesa tra le varie parti di Governo: l’incarico, secondo quanto raccolto da ilFattoQuotidiano, dovrebbe essere assegnato a Claudio Andrea Gemme, dirigente d’azienda 70enne, genovese doc e con un ricco curriculum anche internazionale.
Sarebbe suo il nome che sta dietro l’identikit tracciato da Matteo Salvini stamattina: “Abbiamo dato un consiglio, un nome, un cognome e un curriculum di altissima professionalità, genovese che ha girato il mondo, coinvolto direttamente, anche tramite la famiglia, nel disastro. Spero si chiuda oggi”, ha detto il vicepremier annunciando la sua presenza a Genova domenica e lunedì. Gemme, come detto, è genovese, ha un signor curriculum e “ha girato il mondo” avendo lavorato tra l’altro in Giappone, in Germania, in Francia e in Russia. Entrato in Finmeccanica nel 1973, passato all’Ansaldo nel 2000, oggi è presidente di Fincantieri Sistemi Integrati e direttore della Divisione Systems & Components della stessa Fincantieri (a cui, peraltro, il M5S vorrebbe affidare un ruolo nella ricostruzione del ponte Morandi), membro della giunta di Confindustria, è anche presidente del comitato strategico Alti Studi di Milano e della Gaslini onlus. Parte dell’establishment genovese, Giovanni Toti l’anno scorso avrebbe voluto proprio Gemme come candidato sindaco del centrodestra a Genova: se il governatore della Liguria è rimasto deluso dai fondi assegnati al porto dal governo, il nome del commissario dovrebbe fargli tornare il sorriso. D’altra parte il decreto per la ricostruzione nel capoluogo ligure prevede la seguente procedura di nomina: un decreto del presidente del Consiglio, cioè Giuseppe Conte, “sentito il presidente della Regione”. La nomina dovrebbe arrivare a breve: per emanare il Dpcm, infatti, serve che il decreto entri effettivamente in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. A quel punto, Gemme ricoprirà un ruolo fondamentale a Genova per i prossimi due anni almeno e lo farà con poteri enormi: il decreto prevede infatti che possa agire in deroga a tutte le norme, escluse quelle penali.
Nel frattempo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto Genova, arrivato giovedì mattina al Quirinale dopo diversi giorni nei quali era rimasto bloccato in Ragioneria di Stato. Il testo del provvedimento nella forma definitiva predisposto per la firma, sottolinea però l’Ansa, è giunto al Colle alle 14.30 di oggi. Ora verrà trasmesso al Parlamento.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania