Quantcast

Salvini-bari
Da Facebook
Politica

Bari, Salvini: “I razzisti sono i sindaci di sinistra che hanno trasformato l’Italia in un campo profughi”

Bari, Salvini: “I razzisti sono i sindaci di sinistra che hanno trasformato l’Italia in un campo profughi”

Una gran folla a Bari per accogliere il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Invitato dal Quartiere Libertà per affrontare i temi della sicurezza, ha garantito soluzioni efficaci e applicabili entro la fine dell’anno.

”Non vengo a portare promesse, vengo a portare impegni che sono in grado di mantenere. Il primo impegno che prendo con i cittadini del quartiere Libertà e di tutta Bari, lo abbiamo studiato già al ministero dell’Interno, è che entro la fine di quest’anno arriveranno a Bari decine di nuovi agenti di polizia e delle forze dell’ordine, uomini e donne, per controllare il territorio”, dice Matteo Salvini.

”I criminali non hanno nazionalità o colore della pelle diversa l’una dall’altra – ha detto – e voglio cacciare e tirare fuori dal quartiere gli spacciatori, tutti dal primo all’ultimo, occupatori di casa, sfruttatori della prostituzione e dell’immigrazione clandestina”.

”Voi non avete nulla di cui giustificarvi – ha detto rivolgendosi ai cittadini del quartiere – non siete razzisti. Gli unici razzisti che io conosco sono i sindaci di sinistra che hanno trasformato Bari e l’Italia in un campo profughi. Razzisti nei confronti degli italiani”.

Il riferimento è alla raccolta di 3000 firme contro gli immigrati irregolari (stranieri che ”non vogliono integrarsi”, citava testualmente la petizione che si è tenuta di recente), argomento che ieri è stato contestato dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il quale ha etichettato come un errore la decisione del ministro di andare al Libertà per questa ragione. Sulla polemica del presidente pugliese, Salvini ha tagliato corto.

”Sono qui per collaborare con il sindaco e il governatore della regione a prescindere dai colori politici”, ha concluso. Prima di andare via ha indossato una felpa con la scritta ”Bari” e un galletto, simbolo della squadra di calcio, e si è poi concesso per strette di mano e selfie.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Luisa Di Capua

Nata il 7 febbraio a Castellammare di Stabia.
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con specializzazione magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università degli Studi di Parma.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania