Opinioni

Voto per la Casa Bianca: Polvere di stelle (e strisce)

Voto per la Casa Bianca: Polvere di stelle (e strisce)
Voto per la Casa Bianca: Polvere di stelle (e strisce)

A una settimana dal voto per la Casa Bianca, Donald Trump mette a segno un sorpasso da brivido nei confronti di Hillary Clinton. Oramai i due rivali sono in parità statistica. Sull’onda dei sondaggi sempre più favorevoli al tycoon, i repubblicani si ricompattano e attaccano l’ex Segretario di Stato: «La vita con i Clinton – dice Paul Ryan, presidente della Camera dei Rappresentanti, riferendosi alla vicenda delle email – è uno scandalo dopo l’altro, un’indagine dopo l’altra, dunque votiamo Trump»: è questo l’argomento oggetto del commento di Gramellini di oggi:

Polvere di stelle (e strisce)

Tra una settimana a quest’ora conosceremo il nome del nuovo presidente degli Stati Uniti. Ma già adesso sappiamo che qualunque altro candidato repubblicano al posto di Trump avrebbe battuto la Clinton a mani basse, così come qualunque altro candidato democratico al posto di Hillary avrebbe stracciato l’uomo la cui capigliatura riesce a infrangere la legge di gravità. Mai nella storia la più importante passerella planetaria della democrazia aveva visto sfilare due modelli così deboli. Invisi a una parte dei loro stessi elettori, che li voteranno solo per non fare prevalere l’avversario. E oberati da una folla di scheletri nell’armadio che inseguiranno il vincitore per l’intera durata del suo mandato, presumibilmente unico, obbligandolo a passare una buona parte del suo tempo a difendersi dai pasticci compiuti prima di entrare in carica, come se non bastassero quelli che potrebbe combinare dopo, specie il dilettante allo sbaraglio Trump.

Come abbia fatto la democrazia americana a incartarsi fino al punto di selezionare due campioni del genere è questione che lascio volentieri agli esperti di cose americane. Dal mio strapuntino di osservazione mi limito a constatare senza orgoglio alcuno che, dopo essere stati noi a copiarli in tutto – dai jeans al lavoro precario -, per la prima volta sono loro a copiare noi, mettendosi in Casa (Bianca) un capo dell’esecutivo ricattabile dagli scandali del proprio passato, quale per vent’anni è stato Berlusconi.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.vivicentro.it/opinioni
vivicentro/Voto per la Casa Bianca: Polvere di stelle (e strisce)
lastampa/Polvere di stelle (e strisce) MASSIMO GRAMELLINI

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale