Quantcast

Banner Gori
Sergio Mattarella con la sen. Teresa Bellanova, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
Opinioni Politica

Teresa Bellanova, splendida ascesa sociale invisa a tanti nullafacenti

La neo Ministra del Conte2, Teresa Bellanova, è donna che “suda” dall’età di vent’anni, imperdonabile per chi è sempre stato “nullafacente”

Teresa Bellanova, splendida ascesa sociale invisa a tanti nullafacenti

La neo Ministra per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del governo Conte due, senatrice Teresa Bellanova, è una donna che fino all’età di vent’anni ha sudato duramente per guadagnarsi il pane come bracciante agricola nella sua Puglia. In quegli anni si accosta al sindacato e spende la sua vita al fianco di chi lavora la terra con sudore, in condizioni di sfruttamento.

Lei è l’esempio del riscatto, di chi prende consapevolezza dei propri sacrosanti diritti e non si piega a vederseli calpestati. Anzi si ingegna, si impegna per il proprio riscatto e lotta con fierezza e determinazione. È l’esempio di chi si promuove e cresce individualmente e nello stesso tempo fa crescere chi gli sta intorno, e coloro per i quali si prodiga. E combatte affinché costoro abbiano un tenore di vita migliore, una dignità umana riconosciuta e vissuta pienamente in consapevolezza.

Questa è una donna che ha condotto con generosità anche il suo lavoro politico, ed i risultati le sono universalmente riconosciuti, tanto che siede in Parlamento sin dal 2006.

Certi parlamentari snob e tanti loro elettori-tifosi fanno della facile ironia sul suo fisico, sul suo look o sulla sua scolarizzazione, loro che provengono da famiglie agiate e non immaginano nemmeno cosa gli ultimi della società, i braccianti, devono fare nel tentativo di raggiungere quello che per gli agiati è banale e scontata normalità.

Tra i tanti “campioni da tastiera” ricompare anche DANIELE CAPEZZONE, ex parlamentare (neanche lui laureato!!) ed oggi è una firma “coraggiosa” di La Verità, che ieri si è cimentato con un tweet sulla neo ministra e sulla sua spigliata mise blu elettrico. Ormai sul web il suo ridicolo commento è diventato virale, come non manca di sottolineare l’editorialista della nostra testata, Stanislao Barretta; “Capezzone è un fine dicitore e intenditore di laqualunque, ex esponente dei Radicali, ex di Forza Italia, ex del Popolo delle Libertà, ex dei Conservatori e Riformisti, ed ex Direzione Italia”.

Altro che ascensore sociale! Per gli ultimi della scala sociale si tratta di un’erta e faticosissima scalata che spesso resta solo un miraggio, un doloroso desiderio irrealizzato o irrealizzabile. E per questo si scoraggiano e non provano neanche a tentare di risalire la china dall’emarginazione econica e sociale in cui si trovano a vivere ed a patire disagi e mortificazioni.

POI arriva una Teresa Bellanova che li incoraggia e li infiamma a provarci. E li contagia con il suo sacro furore ispirato da tanta empatia per i tanti suoi compagni di fatica. Empatia che poi, man mano, si trasforma in amore per questa umanità immiserita che si dibatte tra le difficoltà e gli stenti del duro lavoro fisico che rischia di abbrutire se non si intravvede, almeno in lontananza, un barlume di speranza di riscatto e di miglioramento.

Teresa Bellanova questa speranza l’ha saputa suscitare e contagiare ai suoi compagni braccianti e per loro ha continuato ad impegnarsi assumendo sempre nuove responsabilità, di rappresentanza e di rivendicazione, che l’hanno portato sempre più in alto, fino al Ministero. Adesso prima vediamola al lavoro e poi la giudicheremo per quello che farà e per come lo farà, non per il come veste o per il come s’è formata. Formazione sudata e conquistata – occorre sottolinearlo – senza essere coccolata da chicchessia, famiglia o società.

ORA lei è andata ad occuparsi del settore in cui ha lavorato tutta la vita, l’agricoltura, e la competenza gliel’ha data la scuola della vita. Mentre, tanti altri, in primis tra quelli che pensano di fare gli spiritosi – lanciando sassi senza nemmeno avere il coraggio delle proprie azioni – sono al posto che occupano per diritto di nascita (agiata), senza mai aver fatto nulla nella loro vita per meritarselo.

La nostra Costituzione, art. 3 comma 2, così recita :

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

È bene ricordarlo ai tanti che blaterano di giustizia sociale e che si ricordano di “sovranità del popolo” solo quando invocano pretestuose elezioni a loro esclusivo interesse di bottega.

Carmelo TOSCANO

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Carmelo Toscano

Carmelo Toscano

Siciliano delle pendici meridionali dell'Etna, da decenni lavora come medico nella Bassa bresciana

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania