Quantcast
Banner Gori
Tandem Obama-Clinton: Obama lancia la Clinton per la Casa Bianca
Editoriali

Il tandem americano: uomo-donna; primo Presidente nero e prima donna (VIDEO)

L’America che continua a cambiare e a fare da battistrada con un inedito tandem eppur restando sempre se stessa. Nel 2008 Obama e Hillary Clinton sono stati uno contro l’altro per la corsa alla Casa Bianca. La spuntò lo stesso Obama che oggi afferma di vaerla sì battuta, ma che fu favorito dall’essere «nuovo» a scapito di una persona di lunga carriera e affidabilità come la Clinton che, come capita anche ad altre con lo stesso curricula, vengono a volte ingiustamente «date per scontate».

Obama e Clinton. il primo Presidente nero degli Stati uniti e la prima possibile futura Presidente donna, entrambi a bordo dell’Air Force One, l’aereo presidenziale, sono giunti ieri,  Martedì 5 luglio, a Charlotte in North Carolina dove, per la prima volta, si è potuto vedere il presidente in carica degli Stati Uniti, Barack Obama, partecipare a un evento elettorale a sostegno della candidata dei Democratici alle elezioni dell’8 novembre, la Hillary Clinton, ed il connubio (uomo donna, nero bianca) è stato rimarcato da diversi giornali che lo hanno messo in evidenza sottolineandolo come un momento esemplare nel cambiamento del paese.

Dal palco Obama ha detto di essere «pronto a passare il testimone» e che sarà la Clinton a raccoglierlo e a far bene mentre, per contro, pur senza nominarlo direttamente, ha più volte rimproverato al candidato dei Repubblicani, Donald Trump, dicendogli di non essere adatto al lavoro: «Questo non è un reality show, questa è la realtà. Quando arriva una crisi, non si può semplicemente uscire dal set. Non si può licenziare lo sceneggiatore», ha scherzato Obama. Ma poi non ha resistito fino in fondo a non nominarlo direttamente e si è tolto una sassolino dalle scarpe dicendo: «Donald, se stai twittando, Obama è delle Hawaii» con chiaro riferimento alla polemica a suo tempo sollevata dallo stesso sul fatto che Obama non sarebbe nato negli Stati Uniti.

IL TEMA ed il TANDEM, Obama-Clinton, è stato oggetto, ieri ed oggi, di tantissimi articoli e commenti sia sulla stampa Nazionale che Estera (USA in testa: President Obama still wields the same charm and vitality he used to defeat Hillary Clinton in 2008. ed ancora, Obama: I know Hillary Clinton can do the job). Noi, tra i tanti altri altrettanto degni di nota, abbiamo pensato di riproporvi l’editoriale di oggi, su La Stampa, a firma di Gianni Riotta.

BUONA LETTURA

Obama & Hillary costretti a volersi bene. GIANNI RIOTTA

Non appartengo a nessun partito organizzato. Io sono un Democratico», rideva il comico americano Will Rogers ma la fama di scapigliata banda politica è costata cara.

Dopo le quattro elezioni presidenziali vinte da F.D. Roosevelt, 1932-1944, e la quinta di Truman 1948, i democratici non hanno più vinto per tre volte la Casa Bianca, fermandosi sempre dopo otto anni, Kennedy-Johnson 1960-1968, Clinton 1992-2000. I repubblicani hanno ottenuto la presidenza dal 1968 con Nixon fino a Bush padre 1992, con la solitaria interruzione di Carter nel 1976, dominando Corte Suprema, Congresso, economia, cultura, diplomazia.

Per spezzare il trend ed avere erede Hillary Clinton, il presidente Barack Obama si getta nella mischia, volando a Charlotte, nel vecchio Sud della North Carolina, per un comizio in uno Stato che, dal 1976 a oggi, i democratici hanno vinto solo due volte e che intendono sottrarre finalmente al repubblicano Donald Trump. Obama e la Clinton sono politici veterani, professionisti: la campagna in cui il presidente sconfisse l’ex First Lady, nel 2008, non ha lasciato calore umano, ma prima, con glaciale calcolo, Obama nomina la rivale Segretario di Stato, poi si impegna per la tripletta «democrats», dopo 68 anni. Hillary e Obama sono diversi, lei concreta figlia di una famiglia repubblicana di Chicago, lui utopista e cerebrale, cresciuto tra Hawaii e Indonesia. La Clinton era per colpire Assad in Siria e far la voce grossa con Putin, Obama non crede che gli americani debbano avere un ruolo egemone, preferisce la guerra asettica dei droni.

Tutto dimenticato. Da qui a novembre Barack&Hillary saranno coppia affiatatissima, pur di battere il magnate Donald Trump. Obama sa che se Trump, ripetendo l’exploit nomination, vincesse a novembre, cancellerebbe il suo brand, dalla riforma sanitaria alle leggi per gli omosessuali, la politica estera cauta. Trump è «l’Anti-Obama», il suo manifesto è disfare quel che il primo presidente afroamericano ha provato a costruire. Obama non si batte solo per il triplete del partito, e neppure per la sua ex ministro (allora alquanto malmostosa), si impegna in difesa della propria eredità storica.

I sondaggi sono favorevoli. Il consigliere David Plouffe, stratega della sconfitta di Hillary nel 2008 e ora dei taxi Uber, stima che i democratici potrebbero conquistare fino a 350 punti elettorali, lasciandone a Trump meno di 200, una sconfitta bruciante. Hillary Clinton spera che, disgustati dalle uscite di Trump, ultima usare la Stella di Davide degli ebrei per insultarla («è la stella dello sceriffo!» s’è difeso, goffo, Trump) repubblicani moderati e indipendenti si astengano o cambino campo, dandole l’agognato controllo del Congresso. Con un giudice progressista della Corte Suprema da nominare, spezzando la maggioranza conservatrice che regna dal 1971, la Clinton avrebbe almeno quattro anni per lavorare all’agenda liberal cara a Obama, dai diritti civili al salario minimo a 15 dollari l’ora proposto dal socialista Sanders.

Ieri l’Fbi, pur criticandola come «imprudente», ha scagionato la candidata democratica dall’incriminazione sul caso delle email gestite da un server privato, non da quello ufficiale del Dipartimento di Stato. Il ministro della Giustizia Loretta Lynch ha a lungo, di soppiatto, conferito con l’ex presidente Bill Clinton e Trump ha tuonato contro «la gaglioffa Hillary», ma il rischio di un’inchiesta giudiziaria sembra eluso.

Tutto facile dunque? A prima vista si, il presidente è popolare, Trump detestato da donne e ispanici, tanti leader repubblicani non lo applaudiranno alla Convention di Cleveland. Ma le elezioni 2016 sono dirompenti come il Brexit inglese. Perfino Nate Silver, sondaggista che non sbagliava una previsione, ha sottovalutato Trump dandogli solo il 2% per la nomination. Donald Trump accusa Barack&Hillary di favorire Wall Street e i commerci, e propone una ricetta populista di protezionismo, dazi e Made in Usa. Anatema per i neoliberal, ma ricetta amata da sindacati, operai e impiegati senza lavoro. Se i giovani sanderisti restano a casa delusi da Clinton «moderata» e i loro padri la trovano «noiosa» e si lasciano conquistare dal richiamo della foresta «America N. 1!» la sorpresa è plausibile. Per evitarla, da Charlotte in luglio a Washington in novembre, vedrete ovunque l’Hillary&Obama Show lasciare in ombra il povero Bill Clinton.

Facebook riotta.it

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/editoriale –  lastampa / Obama & Hillary costretti a volersi bene. GIANNI RIOTTA

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stanislao Barretta

Stanislao Barretta

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più